a radio24: «No a manovre all’acqua di rose»

Salvini: «Serve shock fiscale. Tagliare tasse e burocrazia è l’unico modo per aiutare le imprese»

Il governo è uno, ha detto il ministro dell’Interno, con due anime «che su alcuni temi hanno idee diverse. Sulla flat tax la Lega è a favore, ma ho scoperto ieri che Tria e Conte hanno idee diverse»

default onloading pic

Il governo è uno, ha detto il ministro dell’Interno, con due anime «che su alcuni temi hanno idee diverse. Sulla flat tax la Lega è a favore, ma ho scoperto ieri che Tria e Conte hanno idee diverse»


2' di lettura

« Ci sono tante riforme che servono all'Italia, quella della giustizia o quella fiscale, ad esempio. La riforma fiscale non può essere all’acqua di rose, va fatta bene. Noi continuiamo a essere coerenti, leali e testardi. Occorre avere le idee chiare. La nostra testardaggine è stata pagata: è arrivato il sì alla Tav». Così Matteo Salvini a Radio24, nel programma 24 Mattino condotto da Maria Latella.

Il governo è uno, ha aggiunto il ministro dell’Interno, con due anime «che su alcuni temi hanno idee diverse. Sulla flat tax la Lega è a favore, ma ho scoperto ieri che Tria e Conte hanno idee diverse».

«Ridurre la tasse non a tanti ma a tantissimi è possibile - ha precisato il vicepremier - : tagliare tasse e burocrazia è l’unico modo per aiutare le imprese».
«Se il ministro dell’Economia del mio governo dice che di taglio delle tasse non se ne parla, o il problema sono io o è lui. Cosa faccio una manovra economica all’acqua di rose? L'Italia ha bisogno di uno shock fiscale forte» ha proseguito Salvini incalzato da Maria Latella.«Il governo italiano è un esempio, a cominciare dai temi della sicurezza. Per questo voglio una Manovra ambiziosa e coraggiosa perché l'Italia non si merita di essere ultima per crescita perché ci sono regole per il vantaggio di Francia e Germania».

Tema migranti. «Il problema è bloccare gli scafisti - sottolina Salvini -. L’Italia sta facendo la sua parte, una motovedetta ha raccolto due imbarcazioni in difficoltà e nelle prossime ore vedremo se alle paroledell'Europa seguiranno i fatti perché avremo modo di sperimentare l'accoglienza e la generosità di Italia, Germania e Francia e di tutti gli altri paesi che spesso fanno la morale all'Italia. Non lasciamo morire nessuno, ma se Macron pensa che tutti i barconi debbano arrivare in Italia e che ci debba pensare l'Italia, ha sbagliato a capire. Non sono andato a Parigi perché non c'è andato nessun ministro, è stato convocato dalla sera alla mattina dopo che la riunione ufficiale era appena stata in Finlandia...».

Sulla questione Russiagate Salvini ha detto: «Mail del Viminale per accreditare Savoini? Non le mando io. Siamo seri, stiamo parlando di aria fritta, si tratta di una vicenda surreale».

Alla domanda di Maria Latella: «Fino a quando pensa di riuscire a tenere tranquilli i suoi parlamentari della Lega che chiedono di andare a elezioni?», Salvini ha risposto: «Fino a quando le cose si fanno e se qualcuno la smette di insultare, attaccare e litigare quotidianamente».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti