l’accordo

Medici, nuovo contratto dopo 10 anni. Aumento medio di 200 euro al mese

È stato firmato nella notte tra martedì e mercoledì all'Aran il rinnovo del contratto dei medici e dirigenti del servizio sanitario nazionale, dopo un’attesa di 10 anni. Il contratto riguarda circa 130mila professionisti della sanità


Medici: firmato il contratto dopo 10 anni: aumenti medi di 200 euro al mese

2' di lettura

È stato firmato nella notte tra martedì e mercoledì all'Aran (L'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) il rinnovo del contratto dei medici e dirigenti del servizio sanitario nazionale, dopo un’attesa di 10 anni. L’intesa è stata raggiunta dopo le 2 di notte. Il contratto riguarda circa 130mila professionisti della sanità: «L'ipotesi di rinnovo, relativa al triennio 2016-18 - afferma il segretario FP Cgil medici, Andrea Filippi - prevede un aumento medio pro capite di 200 euro al mese». L'ipotesi di rinnovo è stata firmata da tutti i sindacati medici, tranne la federazione Cimo, Anpo, e Fesmed.

Per Annamaria Furlan, segretaria generale della Cisl è «una buona notizia per il sistema sanitario e per il paese. Si premia la professionalità e si valorizza il ruolo dei giovani medici con nuove relazioni sindacali per affrontare i problemi della categoria».

GUARDA IL VIDEO - Medici: firmato il contratto dopo 10 anni: aumenti medi di 200 euro al mese

Per Filippi si tratta di «risultati economici e normativi importanti, dopo anni di assenza contrattuale». Infatti, spiega, «sono state premiate le carriere gestionali e professionali ed è stato valorizzato finalmente il lavoro dei giovani neoassunti che prenderanno una retribuzione di posizione minima di 1.500 euro annui da subito. Un fatto storico mai accaduto prima. Così come lo è l'aver previsto la certezza di ottenere un incarico dopo 5 anni di servizio con una retribuzione che sale di duemila euro all'anno».

LEGGI ANCHE / Quota 100 svuota gli ospedali: corsa alla pensione per medici e infermieri

Ma sono anche altre le novità del contratto: ottenuti infatti «fondamentali risultati - afferma Filippi - anche per attenuare il forte disagio che i medici vivono nelle gravi carenze di organico. Per questo, sono state aumentate le indennità di guardia notturna da 50 a 100 euro, fino a 120 euro per chi lavora nei pronto soccorso».

LEGGI ANCHE / Gli ospedali copriranno i buchi in corsia con giovani medici in formazione

Inoltre, chi ha più di 62 anni, può chiedere di essere esonerato dalle guardie. «Viene pure istituito un organismo paritetico, nuovo strumento di relazioni sindacali, con l'obiettivo di mettere al centro il benessere dei lavoratori, come sulle questioni - sottolinea Filippi - di salute e sicurezza, a partire dal tema dell'emergenza aggressioni al personale sanitario».
Insomma, conclude il dirigente sindacale, «nonostante le poche risorse a disposizione, abbiamo aumentato le buste paga di tutti i dirigenti del servizio sanitario nazionale, valorizzato il lavoro dei giovani, premiato le carriere, aumentato la quota pensionabile, e retribuito il disagio di chi lavora la notte. Si valorizza così la dignità del lavoro pubblico e la centralità del servizio sanitario pubblico».

LEGGI ANCHE / Formazione continua dei medici, il ministro Grillo annuncia premialità

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...