Beverage

Sanpellegrino cede l’8% del fatturato nel 2020 per la chiusura di bar e ristoranti

Giro d'affari di 893 milioni di euro nel 2020, calo in parte limitato da e-commerce e altri canali. Tiene l’export con il 64% del business

di Silvia Marzialetti

L’acqua S. Pellegrino ha sofferto la chiusura di bar e ristoranti

2' di lettura

Giro d'affari di 893 milioni di euro nel 2020 per Sanpellegrino. L’azienda leader nel settore delle acque minerali e delle bibite non alcoliche – con più di 3,5 miliardi di bottiglie prodotte nel 2020 – ha registrato lo scorso anno una flessione dell'8,1%, dovuto al crollo dell'horeca e parzialmente compensato dalla crescita dell'e-commerce.

In tenuta l'estero - che rappresenta il 64% della quota di mercato - segmento nel quale il fatturato si è attestato a 573 milioni di euro, in calo del 2,8% rispetto al 2019, anno cresciuto a doppia cifra. In particolare, nei 150 Paesi in cui è presente attraverso filiali e distributori l'azienda ha raggiunto performance migliori rispetto a quelle dell'intero comparto delle acque minerali che, secondo l' Osservatorio “Mineral Water Monitor” di Nomisma, ha subito una battuta d'arresto dell'11% (a valore) nelle vendite oltre frontiera.

Loading...

Gli Usa si confermano primo mercato, con l'acqua minerale S.Pellegrino a +8,6% e le bibite a +13,7%; in Russia i due brand hanno messo a segno una crescita del 27,7%. In Asia oltre al Giappone - che ha registrato una crescita del 2% - significativo risulta l'exploit della Cina dove, superata l'incertezza legata al virus, le vendite di Acqua Panna hanno toccato l'80%.

Di 320 milioni di euro il fatturato raggiunto sul mercato interno, dove il gruppo ha conseguito una flessione del 16%, parzialmente compensata dalla tenuta del canale retail e dall' incremento dell'e-commerce (+36%).
Stabili i brand: Levissima (+1%), S.Pellegrino (+3%), Acqua Panna (+3%).

«Sono orgoglioso di come le persone del Gruppo Sanpellegrino abbiano conseguito importanti risultati anche nel 2020, contenendo l'impatto negativo della pandemia sul business e mostrando grandissima vicinanza e sostegno ai clienti, soprattutto del settore horeca – ha dichiarato l'ad Stefano Marini –. I dati dei primi mesi del 2021 delineano un trend positivo: ci sono tutte le premesse e siamo fiduciosi di continuare a crescere».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti