la stroncatura della domenica

Sanremo, il conflitto d’interessi e l’armonia (nel senso degli accordi)

di Modesto Michelangelo Scrofeo


Baglioni l'anti Salvini: una farsa stop a migranti

1' di lettura

Torna Sanremo dunque, dal 1951 l’arma di distrazione di massa più potente dell’italico arsenale, festival dell’arte di guardare il proverbiale «dito» piuttosto che la luna da esso indicata. Merito di quello che succede dentro l’Ariston, e pure fuori. Per dire: Claudio Baglioni direttore artistico ha un palese conflitto d’interessi perché in scaletta il numero degli artisti della sua casa discografica (Sony) e della sua agenzia di promoting (F&P, gruppo Cts Eventim) sovrasta quello delle aziende concorrenti. Eppure la stampa prende due sue mezze dichiarazioni e lui diventa l’eroe anti-salvinista dei porti aperti ai migranti.

Qualcuno scrive che il suo cachet per l’edizione 2019 s’innalza a 700mila euro, la Rai smentisce: è rimasto a 585mila euro com’era l'anno scorso. Ma chi vuoi, però, che scriva che il divo Claudio troverà sicuramente il modo di arrotondare con i proventi del diritto d’autore delle sue canzoni che, vedrete, sempre com’era l’anno scorso finiranno per inflazionare la scaletta? Nessuno: Sanremo è Sanremo, a Sanremo ci si distrae. E allora viva Baglioni già «dittatore artistico», adesso «dirottatore artistico» che sopprime la categoria giovani e porta a quota 24 il numero dei concorrenti in gara. Scelta che piace a tutti. Persino alle case discografiche e alle agenzie di promoting concorrenti di Sony e F&P che, grazie allo stratagemma, possono iscrivere qualche cantante in più e soffrire di meno il conflitto d’interessi di Baglioni. Per chi non lo sapesse è la 69esima edizione del festival, «quest’anno – ha spiegato il cantautore della maglietta fina – il tema è l’armonia». Che in musica, sempre per chi non lo sapesse, è l’arte degli accordi.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...