ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùal via stasera

Sanremo, tra palco e Nuove proposte si rompe la pace con i discografici

Prima il caso Nutella Stage che porta al forfait di Salmo, poi il cambiamento al regolamento dei Giovani. Rula Jebreal porta un videomessaggio di Roger Waters

dall'inviato Francesco Prisco


Sanremo, Amadeus: "Nessuna polemica rovinera' i miei sogni"

3' di lettura

Sembrava un festival diverso, almeno sul fronte dei rapporti tra Rai e case discografiche. Al netto della bagarre politica, insomma. E invece no: a poche ore dal debutto della 70esima edizione del festival della canzone italiana si incrina anche il rapporto tra chi produce l’evento (la tv pubblica) e chi fornisce la materia prima (le canzoni): prima il palco esterno di piazza Colombo brandizzato Nutella, poi una modifica al regolamento del concorso delle Nuove proposte fanno infuriare le major.

La polemica sui Giovani
L’ultima arriva alle 23.20 di lunedì 3 febbraio: è una missiva, a firma del direttore di Rai 1 Stefano Coletta, recante per oggetto «Testo della modifica al Regolamento del 70esimo festival della canzone italiana». Un testo che recita: «Nella sezione Nuove proposte, la sfida diretta di finale», prevista per venerdì 7 febbraio, «avrà luogo attraverso la riproposizione registrata delle interpretazioni (o di parte di esse) delle 2 canzoni ancora in competizione, rese dai relativi artisti durante le sfide di semifinale». Enzo Mazza, presidente di Fimi, l’associazione confindustriale delle major, è una furia su Twitter: «È come mandare in onda la finale della Uefa con gli highlight della semifinale. Che schifezza». Effettivamente viene da chiedersi perché inflazionare le cinque serate con otto brani delle Nuove proposte che si affiancano ai 24 Big se poi non hai tempo di dedicare loro la giusta evidenza. Tanto più che il curriculum di alcune nuove proposte, per numero di uscite e blasone delle major che le hanno prodotte, non ha nulla da invidiare ad alcuni Big. Le reazioni degli artisti non si fanno attendere: «Non sapevo nulla della decisione, non la trovo giusta», dichiara Tecla Insolia, in gara proprio per la sezione Nuove proposte. Sul tema interviene Claudio Fasulo, vicedirettore di Rai 1: «È esattamente la modalità con cui viene eletto il Big vincitore. Si parla di schifezza e di pagliacciata, ma c’è un lavoro oggettivo che abbiamo fatto sui giovani. Questi brani sono on air da più di due mesi. Per dare dai giovani il giusto risalto abbiamo modificato il regolamento così da dare loro il risalto che meritano. Certi attacchi mi sembrano gratuiti. Con questo meccanismo il vincitore delle Nuove proposte sarà sulle home page già venerdì sera».

Il caso Nutella Stage
Gli equilibri, tuttavia, si erano già rotti per il palco in esterna di piazza Colombo. Serve alla «crossmedialità» dell’evento, deve ospitare artisti non in gara per movimentarne le performance. Case discografiche e artisti sulle prime se lo fanno piacere, poi scoprono che sarà «Nutella Stage», ergo un product placement della Ferrero. Ragione che starebbe dietro al forfait di Salmo che a piazza Colombo avrebbe dovuto esibirsi nella serata di venerdì 7 febbraio. Il marketing è una fonte di ricavi tutt’altro che secondaria per l’industria della musica nell’età dello streaming. Difficile che partnership di questo tipo passino inosservate.

Un videomessaggio di Roger Waters
In conferenza stampa, intanto, intervengono oltre al direttore artistico Amadeus e al direttore di Rai 1 Stefano Coletta, Diletta Leotta e Rula Jebreal, ospiti della prima puntata in programma martedì 4 febbraio. «Sono davvero felice di essere qui - ha detto la Jebreal - per parlare di un’emergenza nazionale ma anche internazionale: mentre ne parlo molte donne in Italia e nel mondo subiscono violenze, vengono messe in prigione per la richiesta del diritto al voto, e c’è una ragazza di 28 anni, Loujain, torturata perché ha chiesto di guidare la macchina». Rula Jebreal porterà un video-messaggio di Roger Waters, bassista e ideologo dei Pink Floyd. I primi Big a esibirsi sono Irene Grandi, Marco Masini, Rita Pavone, Achille Lauro, Diodato, Le Vibrazioni, Anastasio, Elodie, Bugo e Morgan, Alberto Urso, Riki, Raphael Gualazzi. Eugenio in Via di gioia contro Tecla e Fadi contro Leo Gassman sono i le due sfide delle Nuove proposte. Tiziano Ferro interpreterà Nel blu dipinto di blu, Almeno tu nell’universo e Accetto miracoli. Tra gli ospiti anche Gessica Notaro, ragazza sfigurata con l’acido dal suo ex compagno.

Slc Cgil: «Orchstrali a lavoro per 50 euro»
Nel pacchetto «polemiche di giornata» si inserisce anche Emanula Bizi, responsabile dipartimento produzione culturale nella segreteria nazionale di Slc Cgil: «Ricchi cacher per chi è famoso e paghe vergognose per gli altri professionisti. Cinquanta euro al giorno, questo è il compenso di molti musicisti che si esibiranno sul palco dell’Ariston. Lavorano dalle 10 del mattino fino alla fine della diretta, spesso dopo la mezzanotte. Insomma, tempi di lavoro interminabili e prose estenuanti per molti dei musicisti che permettono alla Rai di realizzare uno spettacolo dal vivo mandato in eurovisione», polemizza l’esponente sindacale.

PER APPROFONDIRE:
Tutte le polemiche della 70esima edizione
Sanremo, 70 anni di podi e classifiche vendite
Nutella, c’è chi dice di no

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Francesco PriscoRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: economia della cultura e dell'entertainment, musica, libri, cinema, cultura, società

    Premi: Premio Giornalistico State Street 2018 - Categoria: Innovation

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...