rumors dall’america

Sanzioni Usa all’Iran, l’Italia (forse) sarà graziata da Trump


Trump colpisce petrolio Iran, schiaffo all'Ue

2' di lettura

Non solo India, Giappone e Corea del Sud. Anche l’Italia - secondo l’Associated Press - potrebbe essere tra le otto nazioni a cui gli Stati Uniti permettono di continuare a comprare petrolio iraniano, seppur temporaneamente e in misura limitata, senza essere colpite dalle nuove sanzioni americane che scatteranno lunedì prossimo contro le esportazioni di greggio iraniano.
Tuttavia, la Ue non godrà di tali esenzioni e dunque resta da verificare se il nostro Paese rimarrà al riparo dalle nuove misure Usa.

Al dipartimento di Stato - che attraverso il suo segretario Mike Pompeo ha confermato le esenzioni a favore di otto giurisdizioni - le bocche sono cucite. Si deve attendere lunedì per conoscere la lista ufficiale delle otto nazioni tra cui potrebbero esserci anche Cina e Turchia. Nei confronti di Pechino - il principale importatore di greggio iraniano, protagonista cruciale nei negoziati per la denuclearizzazione della penisola coreana - Washington potrebbe volere evitare ulteriori tensioni in vista dell’incontro centrato sul commercio tra Trump e Xi Jinping a fine novembre al G20 argentino. Per quanto riguarda Ankara, oggi il Tesoro Usa ha rimosso le sanzioni contro due ministri sulla scia del miglioramento dei rapporti tra i due alleati Nato dopo la liberazione - avvenuta a ottobre - del pastore evangelico Andrew Brunson.

Come spiegato da Pompeo in una call, le esenzioni sono concesse agli otto Paesi «semplicemente perché hanno dimostrato una riduzione significativa [delle loro importazioni] di greggio [iraniano] e cooperazione su molti altri fronti. Come parte dell'accordo, due giurisdizioni metteranno completamente fine a tali importazioni. Le altre sei effettueranno importazioni a livelli decisamente ridotti». La Russia dal canto suo intende continuare ad aiutare l’Iran. E intanto la Ue, delusa dalle mosse Usa, continua a lavorare per creare un veicolo speciale pensato per facilitare i pagamenti legati alle esportazioni iraniane, incluso il greggio, e le importazioni, e per assistere e rassicurare gli operatori di mercato che vogliono fare business con l’Iran in modo legittimo.
Il Sole 24 Ore Radiocor Plus

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...