10 ristoranti pieds dans l’eau, dalla Liguria alla Sicilia

2/11portonovo (an)

Sapori vichinghi sull’Adriatico

Il Clandestino. Credit: Francesco Scipioni

Anche se i vichinghi non sono mai approdati sulla Riviera del Conero, è agli intrepidi guerrieri scandinavi che Moreno Cedroni ha scelto di dedicare il nuovo menù estivo del Clandestino. È ormai consuetudine, infatti, che lo chef della Madonnina del Pescatore di Senigallia (il quartier generale con due stelle Michelin) inventi un percorso a tema per gli ospiti del suo incantevole susci bar (proprio con la c al posto dell'h) nella baia di Portonovo, una palafitta azzurra incorniciata da bianche falesie, colline di ginestre e acque cristalline. Così, inizia un viaggio proteico ma equilibrato che comprende carne cruda con susine fermentate, ostrica ed erba ostrica, stoccafisso norvegese e baccalà, piadina di farro e granita alla cipolla e anche il gelato allo skyr (prodotto caseario utilizzato in epoca vichinga come sostituto del latte) con pudding di tapioca e olivello spinoso. In tale scenario wild, approfittate anche della quiete del mattino per gustare un’abbondante colazione dolce a base di brioches, succhi e marmellate prodotte dello chef, oppure salata con pane, burro e acciughe o prosciutto e melone.

L’indirizzo: Il Clandestino. Località Portonovo, Ancona

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti