terrorismo

Sardegna, arrestato «lupo solitario» dell’Isis: voleva avvelenare l’acqua

di Davide Madeddu

Nuoro, arrestato un presunto terrorista: "Pianificava attentato"

2' di lettura

L’ipotesi degli investigatori che l’hanno arrestato è che fosse pronto ad agire con un attentato che aveva come obiettivo l’avvelenamento delle acque. Con l’accusa di associazione con finalità di terrorismo internazionale, è finito in manette a Macomer, in provincia di Nuoro, questa mattina un libanese di origini palestinesi di 38 anni. A bloccarlo, mentre si apprestava a salire sul suo furgone, in una strada completamente cinturata dalle forze dell’ordine, sono stati i Nocs, coadiuvati dagli uomini della Dda di Cagliari e da quelli della Digos di Cagliari e Nuoro coordinati dal Servizio per il contrasto all'estremismo e terrorismo esterno della Direzione centrale della Polizia di prevenzione.

Per il trentottenne, da 4 anni residente nel paese e con regolare permesso di soggiorno, sono scattate le manette e poi il trasferimento al carcere di Badu'e Carros. Deve rispondere, come fa sapere la polizia, di «associazione con finalità di terrorismo internazionale per la sua appartenenza all’autoproclamato stato islamico e di aver pianificato un’azione ostile in Sardegna». Il blitz arriva dopo una serie di indagini portate avanti dagli investigatori italiani e da quelli libanesi. A farle partire «la notizia, ripresa ampiamente dalla stampa mediorientale, dell’arresto in Libano di un militante di Daesh che aveva pianificato l'avvelenamento con la “ricina” di una cisterna d’acqua da cui si riforniva una caserma dell'esercito libanese. Il progetto sarebbe stato supportato da un suo “cugino” presente in Italia, il quale avrebbe avuto in animo di realizzare una simile operazione anche in Europa».

Loading...

Le indagini degli inquirenti che hanno seguito la pista del “cugino”, hanno portato alla Sardegna, dove gli uomini dell'antiterrorismo sono arrivati al trentottenne. Nei confronti dell'uomo gli inquirenti hanno poi acquisito «elementi sia in ordine all'appartenenza al cosiddetto Islamic state sia riguardo una pianificazione per utilizzare agenti tossici con finalità lesive». Durante la perquisizione domiciliare i poliziotti hanno sequestrato alcuni campioni di sostanza, al momento al vaglio dei tecnici della polizia scientifica di Cagliari.

Gli investigatori hanno riscontrato sul cellulare anche una vasta letteratura e documentazione inerente sostanze venefiche letali

È al vaglio tecnico degli specialisti informatici lo smartphone dell’uomo dove «è stato trovato molto materiale riferibile al sedicente stato islamico e al suo califfo Abu Bakr Al-Baghdadi». Non solo, «gli investigatori hanno riscontrato sul cellulare anche una vasta letteratura e documentazione inerente sostanze venefiche letali, come le aflatossine B1 e il metomil, un pesticida potentissimo che l’uomo ha tentato a più riprese di acquistare su siti di e-commerce».

Un'operazione importante il cui successo, come ha rimarcato il capo dell'Antiterrorismo, Lamberto Giannini «è dovuto anche alla grande collaborazione tra la nostra intelligence, la polizia giudiziaria, l’Interpol e l'autorità giudiziaria libanese». Collaborazione ma anche celerità: «Nell’arco di 24 ore le informazioni sul trentottenne poi arrestato sono passate dall'autorità giudiziaria libanese alla nostra intelligence e a Cagliari - ha detto il procuratore generale Antimafia e Antiterrorismo, Federico Cafiero De Raho -. La cooperazione internazionale è ormai globale ed è questo il modello di cooperazione in Europa e nel mondo».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti