ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTecnologia e produzione

Sardegna dimenticata nel bando da 132,5 milioni per l’innovazione d’impresa

Confindustria e Confapi chiedono l’intervento del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e del presidente della Regione Christian Solinas.

di Davide Madeddu

(Aleandro Biagianti / AGF)

2' di lettura

Il bando da 132,5 milioni di euro per l’innovazione delle imprese esclude la Sardegna e parte la mobilitazione. Con Confindustria e Confapi che chiedono l’intervento del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e del presidente della Regione Christian Solinas. La presa di posizione delle due organizzazioni nasce con la pubblicazione del bando “Macchinari innovativi” promosso dal ministero dello Sviluppo economico e destinato a Pmi, reti di imprese e professionisti.

Un’occasione per “sostenere investimenti innovativi finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale, nonché la transizione verso l’economia circolare delle attività d’impresa presenti nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia”. Proprio l’assenza della Sardegna dall’elenco delle regioni che potranno partecipare al bando spinge i presidenti delle due organizzazioni a rivolgersi ai rappresentanti delle istituzioni.

Loading...

Ministero dello Sviluppo economico e Regione

Nella lettera, firmata dal presidente di Confindustria Maurizio del Pascale e dal presidente dei Confapi Sardegna Giorgio del Piano, viene ribadita la richiesta che «anche la Sardegna venga inserita tra le Regioni che possono accedere ai programmi di investimento diretti, volti a consentire la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese previsti dal recente Bando Macchinari Innovativi emanato dal Mise».I due presidenti rimarcano che «nonostante le richieste già avanzate in occasione del precedente bando infatti, la nostra regione è ancora esclusa dai novero dei beneficiari degli incentivi previsti dal bando che andranno invece a vantaggio delle imprese di tutte le altre regioni del Mezzogiorno d’Italia».

«Esclusione incomprensibile»

Ricordando che “appare incomprensibile che la Sardegna venga esclusa dal bando che non tiene contro conto dei mutamenti intercorsi e della attuale situazione economica e sociale», De Pascale e Del Piano sottolineano che «la crisi in corso rende ancora più evidente e urgente la necessità di una politica industriale centrata sull’innovazione che accompagni la riconversione e la transizione verso la trasformazione digitale e sostenibile e che il bando in questione ben si inserisce in un programma di supporto strategico all’ evoluzione del sistema produttivo, oggi, come detto, ancor più necessario». E l’auspicio affinché, nel rispetto dei reciproci ruoli, si possa trovare la formula perché «anche la Sardegna possa essere inserita tra le Regioni dove sia possibile accedere al Bando Macchinari Innovativi».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti