MOTOTURISMO

Sardegna, gita in moto con sosta ai fari

di Davide Madeddu


default onloading pic
Cagliari, il faro di Sant'Elia

2' di lettura

Le premesse sono da viaggio in relax. Alla fine di ogni percorso, compiuto in sella alla moto a passo lento tra litoranee e macchia mediterranea, una sorpresa: la visita al faro. Con tanto di guida d'eccezione. Un ex fanalista che tra aneddoti e storie anima la visita. L'appuntamento, nella Sardegna Sud occidentale, è per sabato 15 giugno con partenza da Cagliari. A organizzare il viaggio, che non è una gara tra aspiranti piloti ma un “andare slow, per un sabato mototuristico” è l'associazione Pastori in moto. Il sodalizio fondato da un ingegnere elettronico, un fitness trainer e un pastore, e costituito per valorizzare la passione per le due ruote e le escursioni nei luoghi meno conosciuti. E seguendo percorsi che si sviluppano lungo vecchie strade o quelle meno trafficate o anche mulattiere riadattate.

In viaggio con l’esperto con tappa finale al tramonto
Gli ingredienti per una giornata all'aria aperta ma allo stesso tempo in sella alle due ruote ci sono tutti – spiega Giuseppe Tuveri di Pastori in moto – non solo mare e moto ma anche storia. Perché ad animare le visite nei fari ci sarà Nicola Secchi, colui che per anni è stato manutentore per la Marina militare dei fari”. La partenza del primo viaggio, che si sviluppa lungo un itinerario di circa 200 chilometri, è fissata da piazza San Bartolomeo a Cagliari. Dopo una visita al Faro di Sant'Elia e ai fanali di Ponente e Levante ci sarà il viaggio vero e proprio in sella alle moto, lungo la statale 195 (la cosiddetta Sulcitana) fino al faro di Nora, nel comune di Pula: la cosiddetta torre del Coltellazzo. L'escursione prosegue poi lungo la strada che intervalla macchia mediterranea alle coste e alle spiagge, sino a Teulada.

È qui che sarà programmata la seconda sosta dopo i primi 70 chilometri di viaggio con pic nic e specialità locali. In particolare “Sa tunda teuladina”, pane soffice e rotondo tipico di Teulada e vero protagonista della Sagre del pane che si organizza ogni anno nel paese costiero. Il viaggio del sabato prosegue lungo la strada che arriva al faro di Mangiabarche a Calasetta, situata nella punta estrema dell'isola di Sant'Antioco. Gran finale, in orario per vedere il tramonto, a Portoscuso e Portopaglia. Prima tappa di un percorso che, come chiariscono dall'associazione Pastori in moto, “vuole legare tutti i fari della Sardegna”. Viaggio aperto a tutti i motociclisti, poichè è necessaria l'affiliazione all'associazione.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...