Assunzioni a tempo indeterminato

Sblocca concorsi subito operativo alle Dogane per l'assunzione di 2.500 dipendenti

L'agenzia delle Dogane e dei Monopoli pronta a utilizzare le procedure accelerate per reclutare nuove unità, dalla sola prova scritta a quella orale in videoconferenza

di Marco Mobili

(FOTOGRAMMA)

I punti chiave

  • Prove in sicurezza
  • Le nuove regole
  • I titoli

2' di lettura

Lo sblocca concorsi diventa subito operativo all'agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Tra i 60 concorsi della pubblica amministrazione che il Governo con il decreto legge del 1° aprile scorso ha voluto accelerare per superare l'impasse dettata dalla pandemia, c'è anche quello bandito dalle Dogane e dai Monopoli e che prevede l'assunzione a tempo indeterminato di 2.500 unità da inquadrare nella seconda e terza fascia.

Prove in sicurezza

Per il direttore generale dell'Agenzia, Marcello Minenna, si tratta di un atto dovuto «per garantire la massima sicurezza in termini di contenimento dei contagi e per mettere le migliaia di candidati iscritti nelle condizioni di esprimersi nel migliore dei modi». Ma soprattutto, «in linea con le indicazioni diramate dal ministro Brunetta per consentire un rapido svolgimento dei concorsi pubblici, sarà possibile ora procedere celermente con uno dei bandi più importanti fra quelli in corso nelle pubbliche amministrazioni». Un passaggio significativo anche per il ministro della Pa, Renato Brunetta, che nel sottolineare la scelta delle Dogane e dei Monopoli di utilizzare subito delle nuove procedure fissate dall'ultimo decreto Covid-19 (Dl n. 44/2021), ha rilevato come «la pubblica amministrazione ha bisogno di nuovi qualificati ingressi per raccogliere le sfide che l'Europa ci chiede, offrire servizi migliori a cittadini e imprese e costruire l'Italia del futuro».

Loading...

Le nuove regole

Ma quali sono le regole fissate dal nuovo sblocca concorsi? Il decreto, ora all'esame delle Camere prevede in particolare che nei concorsi per il reclutamento di personale non dirigenziale, l'espletamento di una sola prova scritta e di una prova orale. Inoltre sarà consentito l'utilizzo di strumenti informatici e digitali e, facoltativamente, lo svolgimento in videoconferenza della prova orale, garantendo comunque l'adozione di soluzioni tecniche che ne assicurino la pubblicità, l'identificazione dei partecipanti, la sicurezza delle comunicazioni e la loro tracciabilità, nel rispetto delle regole sulla privacy e nel limite delle risorse disponibili.

I titoli

Infine, il Dl prevede anche una fase di valutazione dei titoli legalmente riconosciuti ai fini dell'ammissione alle successive fasi concorsuali. I titoli e l'eventuale esperienza professionale, inclusi i titoli di servizio, possono concorrere alla formazione del punteggio finale.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti