cultura

Scala di Milano e Regione Lombardia a sostegno dei giovani musicisti

di Giovanna Mancini


default onloading pic

2' di lettura

Prosegue l’impegno del Teatro alla Scala di Milano a sostegno dei giovani artisti e del territorio lombardo. Perché un teatro a vocazione internazionale – quale è l’ambizione della fondazione lirica milanese – non può prescindere dalle sue radici e, soprattutto, dalla formazione degli escutori e del pubblico di domani. Dall’unione di queste due “missioni” – grazie al sostegno della Regione Lombardia e della Fondazione Banca del Monte di Lombardia – nasce il progetto di una tournée dell’Orchestra dell’Accademia della Scala in alcune città della regione, che avrà luogo tra l’11 e il 15 luglio.

Si comincia l’11 luglio nell’inedita sede dell’Ippodromo di Varese, per continuare con Como, Pavia e infine Cremona. I giovani dell’Accademia saranno diretti dal 27enne Lorenzo Viotti, originario di Losanna, vincitore nel 2015 del Nestlé and Salzburg Festival Young Conductors Award.

Il progetto si inserisce all’interno di una più ampia politica di investimento sull’Accademia che il sovrintendente Alexander Pereira ha avviato sin dal suo insediamento al Piermarini, nel settembre di tre anni fa. La sua scelta è stata quella di integrarne maggiormente le attività con quelle della Scala stessa, aumentando le ore di insegnamento dei professori dell’Orchestra scaligera (da 20 a 150 ore l’anno) e il numero di allievi (oggi circa 1.250, provenienti da tutto il mondo), ma anche realizzando ogni anno una produzione di livello internazionale, paragonabile a quella delle produzioni della “normale” stagione della Scala, coinvolgendo grandi registi e direttori d'orchestra a guidare gli allievi dell’Accademia.

Grazie al sostegno della Cassa Depositi e Prestiti, lo scorso anno, nel mese di settembre, 175 allievi dell’Accademia hanno portato in scena la «Zauberflöte» di Mozart, per la regia di Peter Stein e la direzione di Ádám Fisher. Il prossimo settembre (dal 2) sarà la volta della «Hänsel und Gretel» di Humperdinck, diretta da Marc Albrecht e con la regia di Sven-Eric Bechtolf.

In attesa di questo appuntamento, gli studenti dell’Accademia troveranno nella tournée in Lombardia un nuovo importante palcoscenico per la loro crescita musicale e professionale, come spiega il Teatro in una nota. I quattro concerti in programma (tutti a ingresso libero) prevedono celebri arie d’opera di Verdi, Puccini, Massenet, Mascagni e Čajkovskij, interpretate dal tenore francese Benjamin Bernheim.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...