analisiScenari

Scalate sì, ma con prudenza

di Ugo Tramballi

default onloading pic
(REUTERS)


4' di lettura

«Gli analisti cercavano una logica, noi avevamo una visione», spiegava il ministro del Petrolio Mohammed al Sada per raccontare l’epica del gas liquefatto. Perché il Gnl è narrativa fondante del Qatar, come la rivoluzione industriale per gli inglesi e la conquista del West per gli americani. Negli anni ’80 fu il giovane ministro dell’Energia di allora, Hamad al Thani, a capire che per svegliare il sonnolento emirato bisognava estrarre il gas e liquefarlo per venderlo al mondo intero.

Quel giovane ministro che non trovava creditori interessati al suo progetto, sarebbe diventato emiro, avrebbe cambiato il volto del Qatar e creando il suo fondo sovrano, alcune di quelle banche così avare se le sarebbe anche comprate. Senza l’epica del Gnl non ci sarebbe stato la Qatar Investment Authority, o Qia, il fondo sovrano che ora sta tentando la scalata della Deutsche Bank dopo aver già acquisito in Germania il 17% di Volkswagen. L’anno scorso il nono nel mondo ma il primo “procapite” (i qatarini sono poco più di 300mila, 2,3 milioni con gli espatriati), il fondo sovrano possiede asset per 330 miliardi di dollari. In attesa di vedere di quanto potrà aumentare la sua presenza nella banca tedesca, nei primi mesi di quest’anno ha già comprato quote nella principale azienda produttrice di pollame della Turchia, in Rosneft e nella compagnia britannica del gas National Grid.

Loading...

Pensando ai tentativi di sopravvivenza di Alitalia, fa tristezza arrivare nel nuovo aeroporto internazionale Hamad – costato 17 miliardi – gestito da Qatar Airways che appartiene a Qia la quale investe ai quattro angoli della Terra, patria compresa: ha anche il controllo di Qatar National Bank. Qatar Airways che fra le tante compagnie delle quali possiede quote c’è anche Meridiana, l’anno prossimo aprirà la destinazione per San Francisco: la quindicesima solo negli Stati Uniti.

Di un fondo sovrano che ha “diversificare” come mantra, è difficile fare la mappa in poche righe. Valentino, Tiffany, Agricoltural bank of China, Barclays, Glencore, investimenti immobiliari a Chelsea Barracks e Canary Wharf a Londra e al Garibaldi a Milano. All’inizio del 2016 Qia aveva anche iniziato un impegno quinquennale da 35 miliardi di dollari per entrare nell’immobiliare americano: la decisione era stata presa prima che un developer di New York diventasse presidente degli Stati Uniti. L’emiro Hamad al Thani, che nel 2013 ha abdicato in favore del figlio Tamim, era anche un tifoso del Milan. Su sua indicazione, una decina d’anni fa Qatar Sport Investments, la branca sportiva di Qia, si era fatto avanti per verificare le opportunità d’acquisto della squadra. Silvio Berlusconi allora non vendeva. Alcuni anni dopo, quando il presidente rossonero ha cambiato idea, al Thani aveva già comprato il Paris Saint-Germain.

Come già detto, tutto ha origine nel gas naturale liquido, il brodo di coltura dell’emirato che ne garantisce il 70% del reddito nazionale. Il Qatar è il terzo produttore mondiale di gas, ma il primo esportatore di Gnl: 77 milioni di tonnellate, due volte i consumi italiani di un anno, il 30% della produzione mondiale. Dopo averlo tenuto chiuso per 12 anni, come fosse un rigoglioso terreno agricolo custodito per il futuro, Qatar petroleum ha deciso di sfruttare la parte meridionale quasi vergine di North Field, il grande giacimento offshore. Una volta sviluppato garantirà due miliardi di piedi cubi al giorno, l’equivalente di 400mila barili di petrolio, e aumenterà del 10% la produzione totale del Qatar.

Per quanto possa sembrare a questo punto impossibile, anche nel Paese della bonanza non è tutto oro ciò che luccica. Nonostante una crescita economica del 13% l’anno per dieci anni consecutivi fino al 2016; sebbene l’oro del Qatar, il gas, ai livelli attuali di produzione non si esaurirà prima di 135 anni, anche qui esiste il “deficit di bilancio”. Non accadeva da 15 anni: è stato di 12 miliardi di dollari. Il crollo del prezzo degli idrocarburi è una causa. Ma l’impatto principale della crisi si chiama Mundial. Cioè i campionati mondiali di calcio del 2022 per i quali il Qatar ha deciso d’investire la monumentale cifra di 220 miliardi di dollari. Per stadi e infrastrutture il governo sta spendendo 500 milioni la settimana.

Con i suoi fondamentali economici, per il Qatar non è difficile ottenere credito dalle istituzioni finanziarie internazionali. Ma per la prima volta dal 1995, quando Hamad diventò emiro e iniziò la cavalcata del Qatar verso ricchezza e popolarità globale, l’ordine al Qia e nei ministeri è risparmiare. Gli stadi non saranno più 12 ma otto, Qatar Petroleum e RasGas sono arrivati al terzo anno di riduzione del personale; Qatar Museum Autority ha licenziato 250 dipendenti e cancellato i progetti di due nuovi musei. Al Jazeera è stata massacrata: mille licenziati in tutto il mondo. Perfino la Qatar Foundation, l’intoccabile gioiello di Sheikha Moza, la madre dell’emiro Tamim, sta tagliando posti di lavoro.

Anche Qia si è ristrutturato. Qatar Holding, il braccio operativo del fondo sovrano, non esiste più. I suoi poteri e soprattutto la sua cassaforte da 100 miliardi di dollari sono passati a una nuova divisione, Qatar Investments che fa capo al ministero delle Finanze. Ali Shareef al Emadi, il ministro, è diventato uno dei qatarini più potenti, eccetto il gruppo più ristretto della famiglia dell’emiro. Oltre alla gestione degli investimenti della fu Qatar Holding, al Emadi è il presidente di Qatar Airways, controlla la Banca nazionale, le spese per i mondiali ed è nel board di Qia. Nessuna decisione su dove, come e quanto spendere delle ricchezze del fondo, sarà presa senza la sua approvazione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti