il presidente: continuo a sostenere ryan

Schiaffo a Trump sulla sanità. L’Obamacare resta in vigore

di Marco Valsania


default onloading pic
(AFP)

3' di lettura

Donald Trump e i repubblicani hanno ammesso la disfatta e suonato la ritirata sulla sanità: hanno rinunciato venerdì sera alla riforma che avrebbe dovuto sostituire Obamacare, per evitare di portarla al voto alla Camera dove l’aspettava una certa bocciatura grazie alle defezioni di deputati sia moderati che ultra-conservatori. «Abbiamo chiesto che l’annullassero», ha detto Trump pochi minuti prima dell’orario fissato per il voto, le 15:30 del pomeriggio americano. Una umiliante sconfitta per la credibilità della Casa Bianca e della leadership del partito di maggioranza, incapace di passare il test della prima, ambiziosa iniziativa legislativa dalle elezioni. Ed è rimasto in forse se e quando potranno tentare nuovi assalti. «Non ci siamo riusciti», ha dichiarato lo Speaker della Camera Paul Ryan.

Trump, davanti alle gravi difficoltà d’una legislazione che aveva scontentato tutti e dopo che il voto era già slittato di un giorno, ha scelto di giocare il tutto per tutto. Ha dato un ultimatum al suo stesso, recalcitrante partito: voto venerdì oppure nulla, resta Obamacare. Vittoria o sconfitta, ha fatto sapere l’ex deputato e ora direttore dell’Ufficio di Bilancio della Casa Bianca Mike Mulvaney, il Presidente d’ora in poi guarderà avanti, alle altre priorità della sua agenda a cominciare dagli sgravi fiscali. «Noi ci fermiamo qui, dobbiamo tornare a governare», ha fatto sapere a porte chiuse ai colleghi di partito.

Un bluff rischioso e finito male per Trump, secondo i critici maldestramente preso a prestito dalla carriera di aggressivo e discusso uomo d’affari e messo nero su bianco nel suo libro The Art of The Deal (mai apparire disperato di raggiungere un accordo). Una necessità politica divenuta inevitabile, invece, agli occhi di altri, per scongiurare ulteriori danni: la riforma sanitaria non è considerata cruciale dalla corrente populista più vicina al Presidente, piuttosto merce di scambio offerta ai conservatori del Parlamento, che la chiedevano da sei anni, per ottenere il loro aiuto sulle altre iniziative a lui care.

Ma le tensioni degenerate in dramma ieri sera hanno sollevato anche lo spettro di una nuova resa di conti nel partito, di una guerra civile finora serpeggiante che potrebbe allungare ombre sui prossimi obiettivi: il Presidente, proprio con il suo ultimatum, aveva di fatto segnalato la strategia in caso di battuta d’arresto. Cercherà probabilmente di farne pagare il prezzo ai leader conservatori in Parlamento, forse a cominciare da Ryan. Nonostante ufficialmente abbia accusato anzitutto i democratici, non Ryan, di aver sabotato la legislazione con la loro totale opposizione. Bisogna vedere se questo j’accuse basterà a rilanciarlo.

La svolta sul non-voto è arrivata al termine di una giornata concitata, tra dibattiti in aula e incontri dietro le quinte. Trump aveva visto in mattinata il comitato dei suoi consiglieri economici e dichiarato, segno d’incertezza, «vedremo che cosa accadrà con la riforma sanitaria». Per tutta la notte precedente e fino alla decisione collaboratori della Casa Bianca e leadership repubblicana alla Camera, consci dell’alta posta in gioco, hanno poi cercato di costruire voto su voto un sostegno sufficiente per cancellare e rimpiazzare Obamacare. Trump stesso ha partecipato con bombardamenti di tweet per piegare gli ammutinati incitando a una «grande riforma». Il cammino è però rimasto in salita. Nel pomeriggio mancavano ancora all’appello una decina di voti, con 33 contrari tra i repubblicani che potevano tollerare diserzioni di soli 23 voti oltre al no dei democratici. Ryan si è precipitato alla Casa Bianca per consultazioni senza esito.

I repubblicani si sono gettati a capofitto in modifiche in extremis per corteggiare la corrente ultra-conservatrice che formava il pilastro della resistenza e riteneva la legislazione ancora troppo generosa, rischiando tuttavia così di perdere i moderati, che la consideravano eccessivamente dura. A complicare la ricerca di equilibri, il progetto emendato ha ricevuto una valutazione negativa dall’Ufficio studi del Congresso: in dieci anni il piano minaccia sempre di risultare in 24 milioni di nuovi non assistiti, dopo che Obamacare ne aveva iscritti oltre 20 milioni. Ma ridurrebbe il deficit di 150 milioni, meno della metà del previsto. I principali e inutili emendamenti avevano introdotto requisiti di lavoro per l’accesso al programma federale Medicaid per i meno abbienti, che Obama aveva allargato. Gli stati avrebbero avuto l’opzione di ricevere un contributo federale fisso da spendere come meglio credono al posto di pagamenti in partnership per Medicaid. E per le polizze erano stati eliminati standard minimi di copertura quali l’assistenza alla maternità, servizi pediatrici e pronto soccorso.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...