ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDa martedì

Sciopero di 72 ore dei distributori di carburanti in autostrada

Lo sciopero delle aree di servizio autostradali si svolgerà dalle 22 di martedì alle 22 di venerdì

2' di lettura

«Lo sciopero di 72 ore, che inizia domani, dei gestori delle aree autostradali è confermato. Non sono arrivate risposte alle nostre richieste. Dal Governo non è arrivata nessuna convocazione e noi vogliamo discutere dei nostri problemi. A settembre 2023 ci saranno le gare autostradali e c’è la necessità che vengano stabilite le regole e noi abbiamo la necessità assoluta di capire quali saranno le regole».

Ad affermarlo all’Adnkronos è Tonino Lucchesi, il presidente di Faib Confesercenti Autostrade in vista dello sciopero delle aree di servizio autostradali che si svolgerà dalle 22 di domani alle 22 di venerdì. Con i governi precedenti, spiega Lucchesi, «abbiamo avanzato una serie di proposte. I Governi si sono succeduti senza che accadesse nulla. Per noi c’è un problema fondamentale perché ne va della sopravvivenza: esisteremo ancora o scompariremo?».

Loading...

E in gioco ci sono 500 gestioni e 10 mila posti di lavoro, osserva il presidente di Faib Autostrade. «Come sistema - sottolinea Lucchesi - abbiamo perso i tre quarti dell’erogato. Abbiamo proposto una razionalizzazione, tagliando un centinaio di impianti in cambio di un equo compenso per i gestori, ma il governo precedente ci ha detto che non avrebbe chiuso alcun impianto. Una decisione, questa, a favore di Autostrade che, indipendentemente del fatto che eroghiamo o meno, continuerà a prendere le sue royalties».

Invece, sostiene il presidente di Faib Confesercenti, «riducendo del 10% le aree di servizio si potrebbe riuscire anche a ridurre i prezzi. Prima del ’98 Autostrade prendeva sulla ristorazione e sull’erogato il 4-5% del fatturato lordo, oggi è il 30-35%». Attualmente, osserva, «il 30% degli impianti sono controllati dalle società di ristorazione e saranno quelle che resteranno aperte durante lo sciopero».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti