in francia

Sciopero della Nutella: lavoratori fermi da 6 giorni nel maxi-sito Ferrero

di Alessandra Capozzi


default onloading pic

2' di lettura

«Sciopero della Nutella». Ad attivarlo i lavoratori dello stabilimento francese Ferrero di Villers-Ecalles (Senna-Marittima), il primo sito produttivo nel mondo di Nutella che sono al sesto giorno di blocco per chiedere aumenti salariali. «Centosessanta dipendenti sono in sciopero dalla notte tra lunedì e martedì della scorsa settimana e nessun camion entra o esce dal sito da allora», ha dichiarato ad Afp Fabrice Canchel, segretario del sindacato Force ouvriere della fabbrica. «La produzione di Kinder Bueno è ferma da martedì. Su quattro linee dedicate alla produzione di Nutella, solo una funziona ancora al 20% della sua capacità», ha spiegato il sindacalista, affermando «che le materie prime stanno iniziando a mancare».

«Nel quadro dei negoziati annuali obbligatori, chiediamo un aumento generale salariale annuo di circa il 4,5% e il pagamento di un premio di 900 euro», ha detto Canchel, che ha anche denunciato «il deterioramento delle condizioni di lavoro». «Al momento, la direzione propone solo un aumento dello 0,4%», ha dichiarato Sandra Hauchard, delegata de CFTC sul sito. In una email interna la direzione ha affermato che «il blocco dell'accesso al sito è completamente illegale» e che saranno applicate sanzioni. L'impianto Villers-Ecalles produce 600.000 vasetti di Nutella al giorno, ovvero un quarto della produzione mondiale e impiega 400 persone con contratti a tempo indeterminato.

Sanzioni per chi sciopera
«Dopo sei giorni di tentativi di discussione, che sono stati tutti rifiutati dal sindacato FO (Force Ouvriere), la direzione dello stabilimento è stata costretta a notificare agli scioperanti, che illegalmente bloccano l'accesso al sito produttivo, l'istituzione, per ordine giudiziario, di sanzioni fino a quando l'accesso all'impianto sarà bloccato. Queste sanzioni sono entrate in vigore questa mattina alle 6 dopo la notifica agli scioperanti, che non hanno ancora consentito l'accesso alla fabbrica». Così la divisione Ferrero Francia in una nota, relativamente allo sciopero di 160 dipendenti che sta bloccando l'attività del più grande impianto di produzione di Nutella, a Villers-Ecalles.
«La società si rammarica profondamente per questa situazione - prosegue la nota - e ribadisce di essere aperta al dialogo, nel rispetto dei valori del Gruppo Ferrero e quando sarà ripristinato il libero accesso al sito produttivo. Nelle attuali condizioni, la missione della direzione dello stabilimento è quella di proteggere i dipendenti che non stanno scioperando, che sono la maggioranza, e che desiderano continuare a garantire il loro lavoro in buone condizioni. È inoltre importante che la direzione dello stabilimento si assicuri che il dialogo sociale sia equo».

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...