ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùlex ceo di general electric

Addio a Jack Welch, leggendario top executive della Corporate America

Trasformò General Electric, che guidò per due decenni, in un colosso capace di diventare negli anni Novanta l’azienda al top di Wall Street

di Marco Valsania

default onloading pic
(Reuters)

Trasformò General Electric, che guidò per due decenni, in un colosso capace di diventare negli anni Novanta l’azienda al top di Wall Street


2' di lettura

Era una leggenda, della Corporate America e del business internazionale. Jack Welch è scomparso a 84 anni lasciando una eredità indelebile: quella di aver trasformato un marchio storico, la General Electric che guidò per due decenni, in un colosso a forte crescita, tanto da diventare negli anni Novanta l'azienda in vetta alle classifiche delle valutazioni a Wall Street.

Nel processo Welch aveva cresciuto alla sua ombra e sotto l'ispirazione dei suoi principi, strategie aggressive di management e di riduzione delle attività meno produttive, anche un'intera generazione di top executive, poi finiti al comando di altri giganti da Boeing a Home Depot.

La sua fama non è stata senza polemiche. Lasciato il ponte di comando nel 2001, Welch vide la Ge, un tempo soprannominata azienda Pil per il raggio d'azione dei suoi interessi, conoscere anni molto difficili - e tutt'ora il gruppo cerca faticosi rilanci dopo aver drasticamente ridimensionato le sue dimensioni e ambizioni.

È stata una crisi che ha rimesso in discussione anche la sua “scuola” di pensiero, il suo stile gestionale. Anche se lui ha continuato senza esitare a essere impegnato: con la terza moglie, Suzy, negli ultimi anni aveva lanciato un programma di Mba online e scritto numerosi libri di business.

Welch, di sicuro, rimane una figura difficile da sottovalutare. Ha dato i natali alla moderna Ge, un gruppo che fa risalire le sue origini fino agli albori del grande capitalismo americano, a personaggi quali Thomas Edison e John Pierpoint Morgan.

Agli inizi della sua carriera a capo della conglomerata si conquistò il nomignolo di “Neutron Jack” per l'eliminazione che ordinò di centomila posti di lavoro, istruendo i suoi dirigenti di cacciare chi aveva le performance inferiori. Il suo motto per gli asset dell'azienda considerati sotto pressione divenne “aggiustarli, chiuderli o venderli”. D'altro canto, innescò anche un’enorme espansione in comparti tra i più diversi, mettendo a segno oltre mille operazioni di compravendita. Tra queste l'acquisizione nei mass media della Rca e del suo prestigioso network televisivo Nbc.

Grande sviluppo sotto di lui conobbero in particolare i servizi finanziari, con il marchio di Ge Capital, che furono motore di continua crescita dei profitti e di sostegno a prezzi azionari del gruppo sempre più alti, capaci di impennarsi di ben il 4.000% tra il 1981 e il 2001, quando Welch lasciò.

Questa corsa a rotta di collo costò però poi cara a Ge, divenendo quasi simbolo di eccessi e errori: nella crisi finanziaria ed economica del 2008 il gruppo subi' un vero e pario crack a causa della debacle delle attività nella finanza.

Esito di questa protratta crisi sono stati di recente ripetuti cambi di leadership e forti ristrutturazioni. Adesso al comando è Lawrence Culp dopo l’uscita di scena di John Flannery e, prima di lui, del successore designato dallo stesso Welch, Jeff Immelt, nel 2017.

Sono scattati, con le svolte al vertice, anche drammatiche revisioni di strategia, ispirate ad una spaccatura del grande gruppo con molteplici cessioni di asset in cerca di una nuova, ridimensionata, stabilità e maggiore trasparenza. In soli due anni, nel 2017 e 2018, il titolo Ge un tempo così prezioso crollò del 75% e mando' in fumo 200 miliardi di dollari di market cap.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Marco ValsaniaGiornalista

    Luogo: New York, Usa

    Lingue parlate: Italiano, Inglese

    Argomenti: Economia, politica americana e internazionale, finanza, lavoro, tecnologia

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti