Puigdemont: madrid non democratica

Scontri a Barcellona dopo 14 arresti, sequestrate 10 milioni di schede


Ministro Catalogna: la guerra sporca di Madrid sul referendum

5' di lettura

Si fa sempre più tesa la situazione in Catalogna, in vista del referendum per l’autonomia indetto per il prossimo 1° ottobre e fortemente osteggiato dal governo centrale di Madrid. Due i fatti di cronaca oggi: il blitz della polizia nazionale spagnola (la Guardia Civil) presso alcune sedi del governo catalano, con l’arresto di 14 funzionari ed esponenti del governo catalano e l’annuncio, fatto dal ministero degli Interni di Madrid, del sequestro di 10 milioni di schede elettorali preparate per il referendum. E a Barcellona migliaia di catalani sono scesi in piazza.

Nel corso di una operazione della Guardia Civil spagnola a Barcellona svoltasi di prima mattina presso la Generalitat catalana (il Governo autonomo della regione), sono stati arrestati due collaboratori del vicepresidente della Generalitat catalana Oriol Junqueras, Josep Maria Jové e Lluis Salvadò, insieme ad altre 12 persone, mentre sono state effettuate 22 perquisizioni. Gli agenti della Guardia Civil si sono recati nel dipartimento dell'economia, degli esteri, del lavoro e degli affari sociali e nella sede centrale del governo locale catalano.

Catalogna, il discorso di Puigdemont in Parlamento

Fra gli arrestati, anche il direttore del dipartimento di attenzione ai cittadini del governo Jordi Graell e il presidente del Centro delle telecomunicazioni Jordi Puignero. Il presidente catalano Carles Puigdemont ha, subito dopo il blitz, convocato una riunione urgente di tutti i suoi ministri, confermando che il primo ottobre si terrà il referendum, e ha rilasciato una dichiarazione pubblica. Nella dichiarazione, il presidente catalano ha denunciato «l'atteggiamento totalitario» del governo centrale spagnolo e ha detto che «[questo] ha oltrepassato la linea rossa che lo separa dai regimi

antidemocratici», accusando il governo di Madrid di avere «sospeso di fatto, illegittimamente, l'autogoverno della Catalogna, istaurando uno stato di eccezione: la libertà è sospesa». «È una situazione inaccettabile in democrazia»

Si tratta di «una operazione coordinata per impedire che i catalani possano esprimersi in pace e libertà il 1 ottobre», ha continuato Puigdemont, sottolineando che «quello che è successo oggi in Catalogna non è mai capitato in alcuna nazione dell’Unione europea».

Sequestrate le schede elettorali, revocate le ferie alle forze dell’ordine
Il ministero degli interni spagnolo ha reso noto nel primo pomeriggio che la Guardia Civil ha sequestrato oggi 10 milioni di schede per il voto al referendum catalano del 1 ottobre, durante una perquisizione in un magazzino a Bigues i Riells, vicino a Barcellona. Gli agenti hanno sequestrato nell'operazione anche altro materiale elettorale per il referendum di autodeterminazione. Il ministero degli interni di Madrid ha anche annullato permessi e ferie degli agenti della polizia nazionale e della Guardia Civil assegnati alla crisi in
Catalogna. La misura è prevista per il periodo dal 20 settembre al 5
ottobre
, ma può essere prorogata.

Il vicepresidente catalano: «Istituzioni sotto attacco»
Subito dopo il blitz della Guardia Civil presso le sedi dellla Generalitat catalana, è intervenuto su Twitter il vicepresidente catalano Oriol Junqueras: «Stanno attaccando le istituzioni di questo paese, quindi i cittadini. Non lo permetteremo!», ha reagito. Mentre il sindaco di

Barcellona Ada Colau, eletta con Podemos, ha definito «uno scandalo democratico» il blitz attuato questa mattina dalla polizia spagnola contro il governo catalano. Il suo partito ”En Comù” ha invitato a manifestare contro «l'attacco» del governo spagnolo alle istituzioni catalane. È intervenuto anche il leader di Podemos Pablo Iglesias, denunciando che in Spagna con il blitz della Guardia Civil contro le istituzioni catalane «tornano ad esserci detenuti politici». «È una vergogna», ha aggiunto, che in Spagna ci siano detenuti politici «mentre un partito corrotto controlla le istituzioni».

Camil Ros, segretario generale del maggior sindacato spagnolo, la Ugt, da sempre nell’orbita dei socialisti del Psoe, ha descritto l'azione della guardia civile come un «attacco alla democrazia». «Se dovessimo chiamare uno sciopero generale, saremmo sicuramente subito dichiarati illegali», ha commenato sulla possibilità di chiamare uno sciopero in segno di protesta contro la reazione dello Stato al referendum catalano.

Folla protesta davanti alla sede del governo a Barcellona. Proteste anche a Madrid
E una grande folla -si parla di migliaia di persone- è scesa in piazza a Barcellona per protestare contro il blitz della Guardia Civil. Ci sono stati momenti di tensione e brevi tafferugli fra manifestanti indipendentisti e Guardia Civil spagnola davanti ad una sede del governo catalano, mentre gli agenti scortavano uno dei dirigenti dell'amministrazione arrestati nel blitz di questa mattina; i manifestanti hanno cercato di bloccare il passaggio del convoglio. Non risulta comunque ci siano stati feriti o persone arrestate. La folla cantava l'inno catalano Els Segadors e gridava «Libertà», «Indipendenza», «Fuori le forze di occupazione!». Circa 500 persone stanno marciando ora anche nel centro di Madrid per sostenere la volontà della Catalogna di tenere un referendum sulla sua indipendenza dalla Spagna, e anche per condannare la linea dura adottata dal governo per impedire il voto. La protesta, inscenata nella Plaza del Sol di Madrid, fa eco a simili manifestazioni nelle strade di Barcellona e altre città catalane con migliaia di persone che si sono riunite per protestare contro contro i raid della polizia e i primi arresti di funzionari del governo locale della Catalogna.

Spagna, manifestazioni di piazza a sostegno del referendum per l’indipendenza catalana

Spagna, manifestazioni di piazza a sostegno del referendum per l’indipendenza catalana

Photogallery24 foto

Visualizza

Rajoy: «Unica risposta possibile. Il referendum non si farà»
Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto davanti al Congresso dei deputati, dopo il blitz della Guardia Civil contro il governo catalano, che la risposta alla sfida indipendentista di Barcellona «non può essere diversa da quella decisa». «A nessuno piace questa situazione, e a me neppure» ha aggiunto. Davanti alla sfida dell'indipendenza catalana, che «non rispetta la legge», «logicamente lo Stato deve reagire» ha detto ancora il premier spagnolo. «Nessuno Stato al mondo può accettare quanto stanno facendo: erano avvertiti, ha aggiunto, sapevano che il referendum non si può fare perché contrario alla sovranità nazionale e al diritto di tutti gli spagnoli di decidere cosa vogliono per il loro paese». Rajoy ha quindi visto a Palazzo della Moncloa i leader dei due grandi partiti di opposizione, il socialista Pedro Sanchez e Albert Rivera di Ciudadanos. Il premier, riferisce El Pais online, è tornato successivamente a ribadire che «il referendum non può essere celebrato, non è mai stato legale o legittimo, ora è solo una chimera impossibile». Lo Stato, prosegue Rajoy, «ha agito e continuerà a farlo, ogni illegalità avrà la sua risposta. La disobbedienza alla legge è l'opposto della democrazia. Siete ancora in tempo per evitare danni maggiori».

Altri sequestri di materiale elettorale

Oltre al sequesto delle schede elettorali, sono continuate inoltre le perquisizioni della polizia spagnola e i sequestri di materiale elettorale preparato per il referendum del 1 ottobre. Secondo la tv pubblica Tve la polizia spagnola ha sequestrato ieri negli uffici di una società di posta privata 45mila convocazioni inviate per la costituzione dei seggi elettorali.
Nel pomeriggio, unità antisommossa della polizia hanno preso posizione davanti alla sede del partito indipendentista di sinistra Cup a Barcellona, in attesa di un ordine giudiziario per entrare. Il partito ha reso noto di avere tolto dalla sede e «distribuito in tutto il paese» tutto il materiale elettorale per il referendum. Il ministro delle finanze spagnolo Cristobal Montoro intanto ha confermato il blocco delle finanze del governo di Barcellona, deciso venerdì dal governo di Madrid.

Silenzio della Commissione europea
La Commissione europea non ha rilasciato commenti sugli arresti di esponenti del governo catalano in vista del referendum sull'indipendenza del primo ottobre, illegale per Madrid. Ad una domanda sugli ultimi sviluppi, il vicepresidente dell'esecutivo comunitario Valdis Dombrovskis ha dichiarato: «il presidente Jean-Claude Juncker e il vicepresidente Frans Timmermans hanno già parlato della questione. In questa fase non abbiamo niente da aggiungere». (f.s.)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...