crisi di governo

Scontro sui vicepremier, negli ultimi 25 anni assenti in metà degli esecutivi

Dal 1994 (anno del primo governo Berlusconi) a oggi, su 15 governi, in otto casi il presidente del consiglio è stato affiancato da uno o più vicepremier, in sette casi da nessuno

di Andrea Gagliardi


Crisi di governo: il duello sui ministri

2' di lettura

Sbloccata la trattativa sull’identikit (Giuseppe Conte) del premier del possibile governo giallorosso, resta un nodo su tutti in questa crisi di governo agostana: quello dei vicepremier. Il Pd considera infatti Conte come esponente 5S e vorrebbe un vicepremier unico, in quota Dem. Il M5S mira a ripetere lo schema giallo-verde: un premier-garante e due vice. Con una terza ipotesi: che alla fine le due parti convergano su un presidente del Consiglio e nessun vice.

GUARDA IL VIDEO / Crisi di governo: il duello sui ministri

Quest’ultimo assetto, se si guarda a ritroso negli ultimi decenni dell’Italia repubblicana, è in realtà una prassi abbastanza diffusa. Dal 1994, anno del primo governo Berlusconi , a oggi, su 15 governi, in otto casi il presidente del consiglio è stato affiancato da uno o più vicepremier, in sette casi da nessuno.

LEGGI ANCHE / M5S-Pd, dai dem mandato a Zingaretti per governo di legislatura

Nella scorsa legislatura né il governo Gentiloni né quello Renzi hanno contato su un vicepremier, mentre l’esecutivo Letta si affidò per questa carica a Angelino Alfano, all’epoca segretario del Pdl nonché ministro dell’Interno oltre che vicepresidente del consiglio. Nessun vicepremier neppure nella legislatura precedente. Non stupisce del resto la mancanza di una figura di rappresentanza e raccordo in un esecutivo come quello Monti (dal novembre 2011 all’aprile 2013) chiamato con il Salva Italia a chiedere sacrifici agli italiani allo scopo di aggiustarne i conti in un momento di grave emergenza per il Paese.

PER APPROFONDIRE / Conte bis? Dalla squadra di governo al programma, tutte le criticità

Due i vicepremier nel governo Prodi II (2006-2008) nella persona di Massimo D’Alema e Francesco Rutelli all’epoca leader di Pds e Margherita. Tornano di attualità i vicepremier anche nella XIV legislatura (2001-2006) con i governi Berlusconi II e III che vede come vicepremier nel primo caso Gianfranco Fini e nel secondo caso sempre Fini ma affiancato da Giulio Tremonti. Nella XIII legislatura (1996-2001) da segnalare Sergio Mattarella vicepremier (con delega ai servizi di sicurezza) del governo D’Alema e Walter Veltroni in ticket come vice nel primo governo Prodi. No vicepremier invece nei governi D’Alema II e Amato II. Per finire, nella XII legislatura (1994-1996), mentre il premier Dini non ebbe vice, li ebbe il primo governo Berlusconi nella figura di Roberto Maroni e Giuseppe Tatarella.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...