ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGames

Scorn, è un videogioco horror estremo (e diverso) a cui non siamo abituati

L’opera prima di Ebb Software (Pc e Xbox e Game Pass) è un survival horror contemplativo, senza compromessi e terrificante (a modo suo).

di Luca Tremolada

2' di lettura

Scorn non è un survival horror come gli altri. Non è cioè il videogioco dove salti sul divano dallo spavento, scappi inseguito dal solito zombie o ti ritrovi navigare nel sangue in un tripudio splatter. L’opera prima di Ebb Software (Pc e Xbox e Game Pass) è un horror contemplativo, senza compromessi, violento e terrificante a modo suo dove è l’ambientazione ha trascinarti. L’ispirazione chiara ed evidente è a Hans Ruedi Giger il papà di Alien e all’artista polacco Zdzisław Beksiński. Sono luoghi contorti, caverne di carne buie ed estreme. Là dentro ci passerete almeno una decina di ore, in mezzo a uova, parassiti e morte. Certo, vi ritroverte a correre e combattere come in altri giochi. Ma il bello questa volta sarà l’immersione nella paura. E per un videogioco è qualcosa di nuovo.

Il gameplay di Scorn

All’inizio è spiazzante perché non ci sono armi, dialoghi e non si salta. Due classici dei survival horror. Siete chiamati a esplorare il paesaggio infernale di Scorn, i giocatori devono impararne le regole e padroneggiare gli enigmi senza alcuna guida o supporto. I puzzle ci aiutano a progredire nel gioco. Gli indizi sulla storia e su chi siete arriveranno dopo, molto dopo. ci vuole pazienza.

Loading...

Cosa ci è piaciuto.

Serve attenzione nella comprensione di dove siete. I survival horror di solito sono tappezzeria, sono combattimenti dove l’horror è sullo sfondo e nella narrazione. Scorn vi costringe a capire dove siete. E per farlo sarete chiamati a posare lo sguardo dove non vorreste. Ed è quello il merito del titolo di Ebb Software.

Il teaser di Scorn

Cosa non ci è piaciuto.

Che dura troppo poco. Che la storia alla fine resta un po’ troppo sospesa. Insomma, qualche attenzione in più alla descrizione di dove siamo non avrebbe guastato una esperienza che resta unica nel suo genere.

Riproduzione riservata ©
  • Luca TremoladaGiornalista

    Luogo: Milano via Monte Rosa 91

    Lingue parlate: Inglese, Francese

    Argomenti: Tecnologia, scienza, finanza, startup, dati

    Premi: Premio Gabriele Lanfredini sull’informazione; Premio giornalistico State Street, categoria "Innovation"; DStars 2019, categoria journalism

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti