ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa sentenza

Scozia, la Corte Suprema boccia referendum-bis sull’indipendenza

La Corte Suprema del Regno Unito ha negato alla Scozia di poter convocare un referendum bis sulla propria indipendenza (dopo quello perduto nel 2014) senza il placet del Parlamento di Londra

L'alta corte di Londra dice no a referendum indipendenza Scozia

1' di lettura

Il governo scozzese non ha il potere di indire un nuovo referendum sull’indipendenza senza l’accordo di Londra. Lo ha stabilito la Corte Suprema britannica. Spiegando il verdetto, il presidente della Corte Suprema Robert Reed ha indicato che i giudici hanno concluso all’unanimità che un tale voto avrebbe conseguenze per l’unione del Regno Unito e quindi richiede un assenso del potere centrale di Londra.

Sturgeon: referendum attraverso le elezioni

Le prossime elezioni del Regno Unito saranno un “referendum de facto” sull’indipendenza della Scozia. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa la first minister del governo locale scozzese e leader degli indipendentisti dell’Snp, Nicola Sturgeon, dopo il verdetto. Sturgeon ha sottolineato che solo le elezioni sono «un mezzo democratico, legale e costituzionale con cui il popolo scozzese può esprimere la propria volontà».

Loading...

Sunak: verdetto definitivo

È «chiaro e definitivo». Così viceversa il premier britannico Rishi Sunak parlando alla Camera dei Comuni durante il Question Time ha definito il verdetto con cui la Corte Suprema del Regno Unito ha negato alla Scozia di poter convocare un referendum bis sulla propria indipendenza (dopo quello perduto nel 2014) senza il placet del Parlamento di Londra.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti