RINCARI PER LA PATENTE

Scuole guida, il Governo bloccherà la restituzione di mezzo miliardo di Iva

Il viceministro all’Economia Antonio Misiani (Pd) : interverremo con una norma nel primo provvedimento utile per evitare che le scuole guida debbano chiedere ai clienti degli ultimi 5 anni di versare un’imposta (Iva) all’epoca non era dovuta

di Marco Mobili e Giovanni Parente


default onloading pic

2' di lettura

Il Governo apre sullo stop alla retroattività dell’Iva sulle scuole guida. Ad annunciarlo è il viceministro dell’Economia Antonio Misiani (Pd) nel corso della trasmissione televisiva di Canale 5 «Mattino 5». «La situazione paradossale che si è creata sulle scuole guida deriva da una sentenza di marzo 2019 della Corte di giustizia Ue, che ha stabilito che questi servizi non possono essere Iva esenti. Sul futuro vale la sentenza comunitaria.
Sul passato, come ho detto a #Mattino5, vogliamo evitare che le scuole guida debbano chiedere ai clienti degli ultimi 5 anni di versare un’imposta (Iva) che all’epoca non era dovuta. Lo faremo con una norma che inseriremo nel primo provvedimento utile».

LEGGI ANCHE / Formazione per la patente, Iva anche per il passato

Una partita da oltre mezzo miliardo
Il recupero dell’Iva sul passato per le scuole guida vale mezzo miliardo di euro. Una stima arrivata dagli operatori per del settore (7mila ma riconducibili a circa 5mila partite Iva) che hanno quantificato in circa 110mila euro ciascuno il potenziale debito con l’Erario.

L’applicazione per il passato è stata sancita dall’agenzia delle Entrate con la risoluzione 79/E del 2 settembre scorso che ha preso atto della sentenza della Corte di giustizia Ue (causa C-449/2017) del 14 marzo 2019 con cui sono state escluse le lezioni di scuola guida tra i casi di esenzione Iva.

LEGGI ANCHE / Scuola guida, Iva in arrivo: rincari del 22% per chi prende la patente

Un emendamento e una risoluzione dalla Lega
Un intervento legislativo per escludere la retroattività è stato già chiesto al Governo dai banchi dell’opposizione. Il Carroccio ha, infatti, presentato un emendamento al decreto sul Garante privacy in corso di conversione al Senato e una risoluzione presso le commissioni Finanze e Trasporti della Camera.

L’ex sottosegretario al Mef della Lega Massimo Bitonci ha annunciato che chiederà nella prossima legge di Bilancio al Governo di «prevedere una detrazione al 19% per i costi sostenuti da chi frequenta le lezioni di scuola guida». Un modo per compensare dal prossimo anno l’aumento del 22% causato dall’applicazione dell’Iva ai corsi di scuola guida.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...