Cassazione

Scuole religiose, scelta dei prof senza discriminazione per l’orientamento sessuale

I magistrati condannano senza mezzi termini la condotta di un istituto religioso citato in giudizio da un'aspirante docente. Fissato anche il risarcimento

di Andrea Alberto Moramarco

2' di lettura

Nella selezione degli insegnanti gli istituti scolastici religiosi non possono discriminare i candidati sulla base del loro orientamento sessuale. Le scuole paritarie non possono cioè porre come requisito per l'assunzione l'essere eterosessuale, scartando le candidature di persone gay o lesbiche. È quanto si desume dall'ordinanza 31071 della Sezione lavoro della Cassazione, con la quale i giudici di legittimità condannano senza mezzi termini la condotta di un istituto religioso, citato in giudizio da un'aspirante docente e accusato da quest'ultima di aver cestinato la sua candidatura a insegnante per via del suo orientamento sessuale. Si tratta del primo caso del genere in Italia.

Accertata la natura gravemente discriminatoria, «individuale e collettiva», già i giudici di merito ordinavano «l'immediata cessazione» della condotta posta in essere dall'istituto. Allo stesso verdetto giunge anche la Cassazione che non ritiene meritevoli di accoglimento i motivi di ricorso della scuola, che contestava la mancanza di prove in ordine alla pretesa discriminazione, essendosi legittimamente formato il pieno convincimento del giudice in relazione ai fatti contestati. Altrettanto laconicamente, poi, la Suprema corte boccia il ragionamento dell'istituto scolastico, per il quale il «diritto antidiscriminatorio» deve essere bilanciato con lo «specifico progetto educativo dell'istituto» e con la «necessità di assicurare la libertà di organizzazione» e la «libertà di insegnamento». Per i giudici di legittimità, infatti, la scuola invoca disposizioni, anche costituzionali, a fondamento della propria “libertà”, ma «non spiega adeguatamente come questa libertà possa legittimare condotte apertamente discriminatorie», come quella posta in essere a danno della docente.

Loading...

Il risarcimento

Lapidaria anche la risposta sul piano risarcitorio, non potendo in sede di legittimità rivalutarsi il giudizio equitativo svolto dai giudici di merito. La scuola, pertanto, oltre al danno patrimoniale pari all'anno di retribuzione persa, dovrà risarcire l'insegnante a titolo di danno non patrimoniale con una somma pari a 30 mila euro. Danno liquidato altresì in favore della Cigl locale e dell'Associazione Radicale Certi Diritti, pari a 10 mila euro a testa, costituitesi in giudizio al fianco della docente.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati