Alimentazioni alternative

Seat Leon 1.5 Tgi: ecco com'è, come va e quanto costa la compatta a metano

La versione a metano Tgi è la quinta colonna della famiglia Leon, poiché si affianca a quelle a benzina, mild-hybrid, ibrida alla spina e turbodiesel. Dentro al cofano c'è un motore nativo a gas.

di Massimo Mambretti

4' di lettura

Con l'avvento della variante Tgi a metano, la Seat Leon amplia la famiglia in maniera unica nel settore delle compatte. Infatti, questa interpretazione si affianca a quelle con motori a benzina e turbodiesel oltre che a quelle mild-hybrid e ibrida alla spina. Inoltre, la Tgi contribuisce all'articolazione della gamma Leon anche per il fatto che è offerta sia in versione berlina sia in quella famigliare Sportstourer.

Seat Leon 1.5 Tgi, gasata ma non lo dà a vedere

Esternamente la Tgi è riconoscibile dalle altre Leon solo per la scritta sulla coda poiché il bocchettone per il rifornimento del gas è posto nello stesso vano di quello per la benzina. Nell'abitacolo spiccano solo gli indicatori del livello dei serbatoi del metano e del relativo consumo istantaneo inseriti nella strumentazione digitale da 10,25” configurabile in diversi modi, che è di serie per tutti gli allestimenti. La gradevole presentazione dell'interno, piuttosto spazioso anche posteriormente, è determinata sia dalla qualità percepibile sia dal design minimalista dell'arredamento. Quest'ultimo manda in pensione molti tasti fisici, affidando la gestione di tanti servizi della vettura al display centrale touch dell'infotainment, con diagonali da 8” o 10” pollici secondo l'allestimento. Il sistema, che integra anche la connessione wireless per tutti i device a partire dall'allestimento intermedio, può essere gestito anche gestualmente e vocalmente dicendo Hola Hola, l'Ai riconosce anche il passeggero che l'ha chiamata in causa arrivando, per esempio, a impostare la temperatura richiesta solo dal suo lato. Alla fine, l'alimentazione a metano si riflette solo sulla funzionalità Leon berlina che abbiamo provato, poiché riduce la capacità del bagagliaio da 380 a 300 litri.

Loading...
Le foto delle Seat Leon 1.5 Tgi a metano

Le foto delle Seat Leon 1.5 Tgi a metano

Photogallery11 foto

Visualizza

Seat Leon 1.5 Tgi, nativa a metano

Il ridimensionamento del bagagliaio è dovuto alla presenza sotto al pianale delle bombole del metano. In totale sono tre e due di esse sono proprio sotto il piano di appoggio, mentre la terza è sotto il divano posteriore. E ancora: due di esse sono realizzate in materiali compositi, mentre una è in acciaio alto-resistenziale. Contengono in totale 17,3 kg di metano e garantiscono, secondo la Seat, un'autonomia a gas di 440 chilometri, mentre il serbatoio della benzina da 9 litri estende il range operativo della Leon Tgi a 600 chilometri. Infatti, il carburante entra in gioco automaticamente solo quando il gas è esaurito si prefigge solo di consentire di raggiungere il punto di rifornimento più vicino. Il motore della Leon Tgi è un'unità sovralimentata a ciclo Miller di 1,5 litri, che sviluppa 130 cavalli e 200 Nm di coppia costantemente fra 1.400 e 4.000 giri, definita per funzionare principalmente a gas. Insomma, si può dire sia nativo a gas.

Seat Leon 1.5 Tgi, pimpante e gradevole

Nell'allestimento sportivo Fr questa Leon si guida sempre gradevolmente sia per il comportamento agile, preciso e sicuro sia per il temperamento pimpante del motore che, ovviamente, emerge maggiormente utilizzando la configurazione vettura Sport. In ogni caso questa unità, che grazie alla sovralimentazione acquista verve contrastando le caratteristiche base del ciclo Miller destinate a ottimizzare soprattutto l'efficienza, assicura una guidabilità gradevole anche grazie alla fluidità dell'erogazione impressa in questo caso anche dall'abbinamento con il cambio a doppia frizione a sette marce e perché, a partire dai regimi intermedi, sfodera un carattere che passa dal brioso al vivace. Per di più, senza penalizzare il buon confort generale offerto dalla Leon. A livello di prestazioni spinge la 1.5 Tgi sino a 203 all'ora consentendole di raggiunger i 100 orari in 9”6, a fronte di un consumo, che l'omologazione monovalente della vettura, indica di 6,6 m3 di metano ogni 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 112 g/km.

Seat Leon 1.5 Tgi, facciamo due conti

Proiettando i dati omologativi del consumo in quelli del mondo reale nel quale il metano è venduto in kg, significa che un pieno costa meno di 17 euro e che per coprire 100 chilometri questa Leon assorbe 4,6 kg di gas. Moltiplicando questo valore per il costo di vendita, mediamente 0,97 euro al kg, significa che si spendono 4,6 euro. Il metano offre oltre al basso costo che ridimensiona quello chilometrico anche la libera circolazione nei giorni di blocco del traffico in molte parti d'Italia, il la riduzione della tassa di possesso e l'esenzione del costo del parcheggio in alcune Regioni. Tuttavia, è innegabile che la rete distributiva sebbene in espansione (quest'anno i distributori ai 1.600 censiti nel 2020 se ne sono già aggiunti altri 200) è ancora diffusa a macchia di leopardo. A questa espansione, però si affianca la prossima introduzione di impianti self-service sinora non permessi.

Seat Leon 1.5 Tgi, prezzi e allestimenti

La Leon a metano è offerta negli allestimenti Style, Business e Fr, permette di optare per il cambio automatico Dsg a sette marce di serie sulla Sportstoure anche nel caso della berlina e già dalla configurazione intermedia offre Adas che generano la guida semi-autonoma di livello 2. Il listino in questo periodo grazie al contributo Seat, quindi al lordo di eventuali ecoincentivi, nel caso della berlina parte da 20.400 e arriva a 23.000 euro. Per la Sportstourer occorre aggiungere 750 euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti