ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMICROCOMPUTER

Seco rileva Fannal e cresce sul mercato cinese

di Matteo Meneghello


default onloading pic

2' di lettura

I microcomputer integrati di Seco (utilizzati tra gli altri da Cimbali, Evoca, Esaote, Technogym) si espandono in Cina con l’acquisizione del 54% (per 5 milioni) di Fannal electronics, produttore di tecnologie touch per il mondo industriale. Tra gli obiettivi immediatamente successivi all’operazione, il radoppio della superficie dello stabilimento cinese di Hangzhou per garantire una crescita più che proporzionale alla capacità produttiva.

Seco (conta circa 300 persone e stima per fine anno 54,6 milioni di ricavi e 9 milioni di Ebitda), partecipata dal fondo FII Tech Growth promosso da Cassa depositi e prestiti , ha annunciato ieri il closing dell’operazione: ottenute le necessarie autorizzazioni da parte del governo cinese, acquisirà la maggioranza del capitale della società, ben posizionata nel mercato delle tecnologie di interazione uomo-macchina.

Con la conclusione dell’operazione di acquisizione ha avuto luogo la nomina del nuovo Cda di Fannal in cui Lesen Ding, fondatore, è stato nominato presidente e ceo; verrà supportato da Ivan Brambilla nel ruolo di vicepresidente.

«L’operazione - si legge in una nota - ha un significativo valore strategico per Seco in quanto con l’acquisizione vengono rafforzati gli investimenti in ricerca e sviluppo e la capacità produttiva, anche grazie agli strumenti finanziari messi a disposizione dal gruppo Cdp». Ad aprile dello scorso anno, come detto, il fondo FII Tech Growth, promosso da Cdp e gestito da Fondo italiano d’investimento Sgr, ha investito 10 milioni di euro in Seco per accelerare il suo processo di crescita e di internazionalizzazione. L’operazione con Fannal è stata possibile dall’acquisizione da parte di Cdp, attraverso Simest, dell 49% della controllata a Hong Kong di Seco, per un importo pari a 3,5 milioni di euro attraverso aumento di capitale.

«Con questa acquisizione investiamo in un’ottima azienda specializzata nella tecnologia dei display touch, componente importante per i nostri prodotti – ha dichiarato Massimo Mauri, consigliere delegato di Seco -. Il nostro obiettivo è investire in Fannal per rafforzare la loro supply chain e per costruire una piattaforma logistico-commerciale di gruppo nell’attrattivo mercato cinese».

Lesen Ding, fondatore di Fannal, manterrà una quota di minoranza e continuerà a guidare l’azienda con il ruolo di ceo. «Siamo felici di intensificare il rapporto con Seco, nostro partner di lunga data– ha affermato Ding – e guardiamo a questa operazione come l’inizio di una solida partnership volta ad accelerare la nostra crescita. Abbiamo la certezza di poter condividere con Seco la sua reputazione e le sue relazioni con clienti internazionali, mentre potrà beneficiare delle rilevanti competenze tecniche di Fannal».

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...