rugby

Sei Nazioni, l’Italdonne vuole continuare la striscia positiva

di Giacomo Bagnasco

default onloading pic


3' di lettura

Nel Sei Nazioni uno e trino il settore maschile ha fatto registrare una vittoria e tre sconfitte. Il successo è stato firmato dagli Under 20 che sono andati a vincere in Scozia e la settimana dopo - a Mantova - hanno ceduto al Galles, mentre la Nazionale maggiore ha perso le prime due partite in programma. E poi ci sono le ragazze, che sabato a Parma affronteranno il difficile ostacolo Irlanda per provare a mantenere una imbattibilità che ormai dura da quasi un anno.

La squadra del ct Andrea Di Giandomenico si è imposta negli ultimi due match del Sei Nazioni 2018 (contro il Galles in trasferta e la Scozia in casa), ha messo sotto le scozzesi e le sudafricane a novembre negli incontri disputati a Calvisano e Prato, dopodiché ha iniziato la nuova edizione del Sei Nazioni andando a vincere in Scozia 28-7 e pareggiando 3-3 con il Galles a Lecce. A conti fatti, una striscia positiva da record e un secondo posto in classifica. Che difficilmente potrà essere mantenuto (dovendo ancora affrontare i carrarmati Inghilterra e Francia) mentre la conquista di una terza, prestigiosa piazza finale passerebbe quasi sicuramente attraverso una vittoria sull'Irlanda.

Loading...

Una bestia nera vestita di verde: le Azzurre hanno all'attivo solo un successo sull'Irlanda, che nell'ambito del Sei Nazioni (cioè dal 2007 in poi) le ha sempre battute. Si può pensare che le distanze si siano progressivamente ridotte. L'anno scorso le irlandesi ci hanno superato, ottenendo il terzo posto, solo per la migliore differenza punti, e inoltre nel ranking mondiale la nostra squadra - con un ottimo settimo posto - precede proprio le avversarie di sabato prossimo. Ma solo il campo sarà in grado di dire una parola definitiva.

Resta il fatto che “questa” Italia ha all'attivo una collezione di belle figure e che le sue rappresentanti sanno farsi valere anche all'estero. Più di una è impegnata in Francia e Inghilterra. Nel 2016/2017, per esempio, Manuela Furlan (da quest'anno capitana azzurra), Michela Sillari e Jessica Busato hanno trascorso un anno a Londra vincendo il campionato inglese con la formazione femminile degli Harlequins. Il tutto in chiave dilettantistica: al massimo il club di appartenenza ti aiuta a cercare un lavoro, poi ti trovi casa, giochi e ti diverti, perfezioni l'inglese.

Grandi distanze rispetto al professionismo. Nella vita di tutti i giorni le Azzurre studiano all'università o hanno un lavoro, le migliori sono prevalentemente concentrate in tre squadre italiane (a Colorno, Padova e Villorba) che si giocano il titolo. Per ogni convocazione con la Nazionale un rimborso spese di viaggio per raggiungere il luogo del ritiro e un contributo da 60 euro al giorno. Sport vissuto allo stato puro: passione, entusiasmo e anche il tempo per una varietà di interessi e attitudini.

Di fronte si trovano anche realtà più strutturate (le inglesi nel giro della Nazionale, per dire, hanno contratti semiprofessionistici ed esprimono grande competitività anche nel rugby a sette, diventato disciplina olimpica) ma ognuno va per la sua strada. La federazione italiana ha proposto che anche per le donne si possano organizzare competizioni internazionali a livello giovanile e continua a seguire un progetto che - tra l'altro - potrebbe portare un certo numero di ragazze a entrare nelle Fiamme Oro, gruppo sportivo della Polizia di Stato. Per potenziare le loro capacità nel gioco a 7 senza abbandonare quello a 15, ottenendo inoltre un'opportunità lavorativa. Contemporaneamente verrebbe “arruolato” un contingente maschile da dedicare solo al “Seven”, mentre le Fiamme Oro già disputano il Top12, massimo campionato italiano. Il tavolo a tre va avanti ma cambierà, almeno in parte, una delle tre partecipanti: oltre alla Fir e alla Polizia di Stato vi si siederà ora Sport e Salute, che prende il posto di Coni Servizi.

IL SEI NAZIONI FEMMINILE*
Risultati e calendario
Primo turno. Francia-Galles 52-3; Scozia-ITALIA 7-28; Irlanda-Inghilterra 7-51
Secondo turno. Scozia-Irlanda 5-22; ITALIA-Galles 3-3; Inghilterra-Francia 41-26
Terzo turno. Sabato 23 febbraio: ITALIA-Irlanda*; Francia-Scozia. Domenica 24 febbraio: Galles-Inghilterra
Quarto turno. Venerdì 8 marzo: Scozia-Galles. Sabato 9 marzo: Inghilterra-ITALIA; Irlanda-Francia
Quinto turno. Sabato 16 marzo: Inghilterra-Scozia. Domenica 17 marzo: ITALIA-Francia; Galles-Irlanda
* Parma, Stadio Lanfranchi, ore 19.45, diretta tv su Eurosport 2
Classifica dopo due turni**
Inghilterra 10 punti; ITALIA 7; Francia 6; Irlanda 5; Galles 2; Scozia 0
**Quattro punti per la vittoria, due per il pareggio, un punto alla squadra che segna almeno quattro mete e a quella che perde con meno di otto lunghezze di scarto

IL RANKING MONDIALE
1. Nuova Zelanda; 2. Inghilterra; 3. Francia; 4. Canada; 5. Usa; 6. Australia; 7. ITALIA; 8. Irlanda; 9. Galles; 10. Spagna; 11. Sudafrica; 12. Scozia; 13. Samoa; 14. Olanda; 15. Portogallo

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti