immobiliare

SeiMilano, il più grande sviluppo del capoluogo lombardo

Piena ripresa dei cantieri e già venduto il 70% del primo lotto di residenze del progetto di Borio Mangiarotti disegnato dall'architetto Mario Cucinella: mille appartamenti, 30mila mq di uffici, 10mila di commerciale e un parco di 16 ettari a un prezzo di circa 3.300 euro al metro

di Evelina Marchesini

default onloading pic

Piena ripresa dei cantieri e già venduto il 70% del primo lotto di residenze del progetto di Borio Mangiarotti disegnato dall'architetto Mario Cucinella: mille appartamenti, 30mila mq di uffici, 10mila di commerciale e un parco di 16 ettari a un prezzo di circa 3.300 euro al metro


5' di lettura

Ripresa post lockdown con lo sprint per SeiMilan o, il più grande sviluppo residenziale in corso nel capoluogo Lombardo, il cui cantiere è tornato pienamente in funzione e dove l'obiettivo di fine lavori entro il 2022 viene confermato. Un lockdown che peraltro, grazie alla fortissima digitalizzazione dei processi di presentazione e vendita, ha fatto segnare un record di transazioni anche totalmente online, tanto che il 70% delle unità del primo lotto di residenze, 100 appartamenti, è stato venduto. Iniziate le campagne di marketing nel febbraio scorso, l'attività non si è mai fermata e tra giugno ed agosto si è assistito a un boom di chiusure delle trattative. Parte così ora la commercializzazione del secondo lotto di circa 120 abitazioni.

SeiMilano è il più importante progetto di sviluppo in corso oggi, su un'area di 330mila metri quadrati (33 ettari). Ma è anche un'iniziativa all'insegna dell'innovazione. “Questo progetto rappresenta la rivincita della città contemporanea _ ha spiegato l'architetto Mario Cucinella, che firma l'iniziativa _ perché finora la città moderna, con le periferie, era stata un'idea di città non accogliente e invece con SeiMilano diventa bella e di qualità, ma mantenendo un prezzo contenuto per gli acquirenti”.

SeiMilano, la città-giardino da 250 milioni di investimento

SeiMilano, la città-giardino da 250 milioni di investimento

Photogallery25 foto

Visualizza

“Tutti gli edifici sono in classe A, con grande attenzione agli aspetti di sostenibilità ed efficientamento energetico _ è stato spiegato in fase di presentazione in occasione dell'inaugurazione dell'Info point in cantiere _, gli edifici e gli interni sono firmati da un grande architetto, l'attenzione alla qualità è altissima e ci sarà un grande parco urbano di 160mila metri quadrati. E' facile fare edifici di qualità vendendo a 10mila euro al metro, una vera sfida invece ai nostri prezzi”. Le case in edilizia convenzionata vengono vendute a 2.900 euro al metro quadrato e in edilizia libera a circa 3 .300 euro al metro.

L'iniziativa.
SeiMilano è un progetto di rigenerazione urbana che Borio Mangiarotti e Värde Partners stanno realizzando, con un investimento di oltre 250 milioni di euro, su un'area di 330mila mq fra via Calchi Taeggi e via Bisceglie, nelle immediate vicinanze della metro rossa, a 12 fermate da piazza Duomo. Le unità abitative sono commercializzate da Sigest (Gva Redilco), advisor e partner commerciale del progetto. L'intervento, che si concluderà entro la fine del 2022, trasformerà l'area generando un nuovo paesaggio urbano: “un nuovo quartiere multifunzionale, unico e innovativo, inserito in un ampio parco attrezzato e sicuro”, spiegano gli sviluppatori. “Proprio quest'anno raggiungiamo il traguardo dei nostri primi 100 anni di storia _ spiega Edoardo De Albertis, Ceo di Borio Mangiarotti _. La nostra missione è quella di creare un ambito urbano di eccellenza in cui mettere al centro le persone ed i loro bisogni. Qualità architettonica, verde, vicinanza alla metropolitana, servizi, fanno di SeiMilano un progetto unico nel panorama cittadino. Siamo altresì convinti che si crea vero valore sociale solo quando l'eccellenza viene resa accessibile proponendola sul mercato a prezzi sostenibili. Questo è SeiMilano: un prodotto esclusivo alla portata di tutti”.

Il progetto, a firma dello studio Studio Mario Cucinella Architects (MCA) prevede la realizzazione di circa 1000 residenze, in edilizia libera e convenzionata, 30mila mq di uffici e circa 10mila mq di funzioni commerciali. Una “città-giardino contemporanea”, come la definisce Cucinella, integrata in un nuovo parco pubblico di oltre 16 ettari, progettato dal paesaggista Michel Desvi gne. A vederlo, il cantiere è effettivamente impressionante, con 14 gru blu che si alzano verso il cielo, simbolo di una Milano che non si ferma. Il cantiere era stato infatti avviato nei primi mesi dell'anno, proprio prima dello scoppio dell'emergenza sanitaria, e obbligato allo stop forzato, ma ora ha ripreso a pieno regime, sono state completate le fondazioni e si possono osservare i lavori delle strutture degli interrati delle residenze.

Oggi è stato inaugurato il punto vendita con Info Point altamente digitalizzato proprio nel cantiere, una location in cui è possibile toccare con mano i prototipi degli interni degli appartamenti, visionare il progetto nel suo insieme grazie al modello in 3D, sperimentare un tour dell'opera completata grazie alla realtà virtuale e verificare di persona l'avanzamento dei lavori.

Le residenze.
In totale gli appartamenti saranno 1000, suddivisi in due tranche di sviluppo (500 ciascuna) e ogni tranche in diverse palazzine. “Abbiamo voluto un progetto con diversi edifici, ciascuno con caratteristiche particolari, al posto di una o due grandi torri”, ha spiegato Cucinella. Una scelta in linea con le nuove esigenze post Covid.

“Tutte le residenze sono state studiate in base alla domanda degli acquirenti _ ha spiegato Enzo Albanese, presidente di Sigest, che ha l'esclusiva della commercializzazione _ secondo i risultati di indagini Doxa che aggiorniamo ogni due mesi. Gli appartamenti di SeiMilano infatti danno molta importanza a balconi e terrazzi, alla piena vivibilità, alla luce e alla connettività, grazie alla fibra ottica garantita non solo negli edifici per uffici, ma anche nelle residenze”. “Una nuova idea per la città di domani _ continua Cucinella _ che riparte, dopo il difficile periodo che abbiamo vissuto. Riprende secondo una nuova dimensione dello sviluppo, dove l'architettura non ha più quell'aspetto monumentale dei grandi edifici, ma si disperde in mezzo a un gioco tra il paesaggio e l'architettura, per creare di nuovo una simbiosi con grande attenzione anche al tema dell'abitare contemporaneo”.

La prima parte dello sviluppo residenziale (circa 524 appartamenti), che si estende lungo l'asse Nord–Sud, è stata progettata per garantire una maggiore esposizione alla luce naturale, ottimizzando le viste e prevedendo uno spazio esterno privato per ogni unità, secondo tre diverse tipologie: logge, terrazzi, serre vetrate. Al piano terreno, verso il boulevard, saranno presenti le hall di ingresso e attività commerciali di vicinato. Al piano primo, gli edifici saranno collegati da una promenade pedonale su cui affacceranno le hall condominiali vetrate e gli spazi comuni condivisi che avranno lo scopo di favorire le relazioni sociali tra i nuovi abitanti e la nascita di una nuova comunità di persone: area living e cucina sociale, sale polivalenti, spazi di coworking, palestra, area gioco per bimbi, smart delivery lockers, biblioteca degli oggetti e laboratorio di riparazione e riuso.

Gli edifici più alti saranno collocati sul fronte che guarda alla città e le abitazioni partiranno dal secondo piano, mentre le residenze verso il parco poseranno a terra generando una sequenza di giardini privati. Nel parco si troveranno aree per lo sport, aree gioco per i bimbi, piste ciclabili, orti urbani e aree cani. Completano il progetto un asilo e scuola materna che ospiterà fino a 160 bambini ed un centro aggregativo multifunzionale (CAM), destinato in parte ai servizi sociali del Comune ed in parte a funzioni collettive all'aperto, grazie al grande pergolato. Le sole opere di urbanizzazione valgono 32 milioni di euro.

La sostenibilità.
Al fine di ridurre al minimo le emissioni di Co2 verrà adottato un sistema di teleriscaldamento e teleraffrescamento così da rendere gli edifici Nzeb (Near Zero Energy Building). Gli appartamenti saranno vere e proprie smart home, ambienti completamente connessi con sistemi di domotica gestibili anche da remoto tramite app e i residenti potranno interagire tra loro e rimanere aggiornati su tutti i servizi e le iniziative del quartiere tramite la PlanetApp SeiMilano, la piattaforma digitale gratuita sviluppata da Planet Smart City.

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati