flashmob a recanati

«Sempre caro mi fu...»: l’«Infinito» di Leopardi compie 200 anni

di Patrizia Maciocchi


default onloading pic
Un momento del flahmob che si è svolto questa mattina a Recanati per celebrare i 200 anni de “L’infinito” di Giacomo Leopardi

3' di lettura

È un Leopardi 4.0 quello raccontato dai figli dei social che si sono riuniti a Recanati per celebrare i 200 anni de”L'infinito”. Oltre 2800 ragazzi che si sono idealmente collegati, alle 11 e 30 di oggi, con tutti gli studenti del paese, e non solo, per recitare insieme una delle poesie più belle del poeta marchigiano. Sotto il paterno ostello, nella piazzetta del Sabato del Villaggio, con il ministro dell'istruzione Marco Bussetti e la contessa Olimpia Leopardi, discendente diretta di Giacomo, sono stati spiegati gli striscioni, disegnati dai ragazzi, per dire no all'indifferenza, all'egoismo e ai pregiudizi: le siepi che nascondono oggi l'orizzonte e che è necessario superare per vedere l'infinito.

Nel corso dell'evento, organizzato dal Miur e da Olimpia Leopardi, sono state premiate le scuole che hanno raccontato il “Mio Infinito” con le canzoni, con le illustrazioni, con un dialogo immaginario tra il piccolo Giacomo e un coetaneo contemporaneo. Un confronto che inizia con «bella fra, come te butta?» in cui i due protagonisti, anche se lontani nel tempo finiscono per trovare un trait d'union nella voglia di sconfiggere solitudine e isolamento. Il suggerimento del piccolo Giacomo al suo amico è quello di andare oltre lo schermo dello smartphone che esclude lo sguardo dell'ultimo orizzonte: perché la vita è oltre il vetro del cellulare.

La contessa Olimpia Leopardi con il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti

Anche il ministro Bussetti racconta il suo Leopardi. «Il poeta studiato a scuola era nozionistico – dice Bussetti - quello che ho sentito più mio l'ho incontrato a un esame di maturità. Io facevo l'ispettore e un ragazzo con la tetraparesi spastica ha fatto una tesina su Leopardi. Pur avendo delle difficoltà nel parlare ci ha spiegato molto bene come, grazie a Giacomo, fosse riuscito ad accettare la sua condizione. E' stata la prima grande emozione che Leopardi mi ha dato».

Sulla visione del poeta “terapeutico” è d'accordo Olimpia Leopardi: «I ragazzi hanno tutta la vita davanti – dice Olimpia – inevitabilmente ci saranno dei momenti in cui inciamperanno. Lì possono sentire vicino Giacomo che non è stato grande per i suoi mali, come qualcuno pretende, ma malgrado questi. Per me è il poeta che ti fa apprezzare di più la felicità e ti “consola” nei momenti di tristezza».

L’infinito di Leopardi compie 200 anni

Per il diciassettenne Marco Fiermonte Giacomo Leopardi ti fa scappare con la mente quando il corpo non può. La più giovane di casa Leopardi, figlia di Olimpia, 15 anni, anche lei in piazza con i compagni di scuola sotto casa sua, la stessa in cui ha vissuto Giacomo e con cui condivide la voglia di andare via «È vero che Recanati va stretta per chi cerca la vita – dice Diana – io quando potrò andare oltre la siepe lo farò, ma anche grazie a Giacomo sono consapevole che qui restano le mie radici, la nostra famiglia».

    I 200 anni de “L'Infinito” sono stati celebrati in contemporanea anche dagli studenti cinesi e norvegesi. Perché la cultura abbatte i confini geografici e sociali. Anche i “ragazzi dentro” del carcere minorile di Nisida hanno preso parte al flash mob, raccontando come il giallo delle ginestre leopardiane dia colore ai loro giorni di buio.

    «L’infinito» di Leopardi compie 200 anni

    «L’infinito» di Leopardi compie 200 anni

    Photogallery19 foto

    Visualizza

    Le celebrazioni per l'idillio perfetto sono state l'occasione per dimostrare, se ce ne fosse bisogno, che Giacomo Leopardi non invecchierà mai perché i sentimenti che esprime sono senza tempo. E' la conclusione a cui si arriva con il dialogo ideale messo in scena sul palco di Recanati tra il giovane favoloso e il coetaneo dei nostri tempi che, malgrado il linguaggio lontano, crede di aver capito qualcosa « se tu t'annoi e anche io mi annoio allora me sa che tanto diversi nun semo».

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...