Studenti e ricercatori

Sempre più opportunità tra digitale e finanza

di Davide Madeddu

2' di lettura

La carriera in ambito bancario o nel mondo della finanza, ma anche nelle istituzioni negli enti locali per arrivare sino al mondo diplomatico. Sono solo alcune delle porte che può aprire una laurea conseguita nell’area che comprende economia, statistica, matematica e scienze politiche.

Per chi si laurea in economia e management, già alla fine del triennio, c’è la possibilità di lavorare sia nel mondo delle imprese, passando per banche, assicurazioni, compagini finanziarie, società di revisione, sia nella pubblica amministrazione e nelle società di consulenza aziendale e professionale. Possibilità concrete anche di operare nella finanza internazionale.

Loading...

Sviluppatori al top delle offerte

Quanto ai professionisti più ricercati tra le prime posizioni troviamo quella dello sviluppatore.

«Ci sono le figure professionali emerse negli ultimi anni - dice Alice Felicani, national professional team leader Ict presso QiBit, la divisione Ict di Gi Group -: specialisti in big data, artificial intelligence e cybersecurity. E poi data scientist, data analyst, business intelligence consultant. Ossia professionisti in grado di affrontare problemi complessi legati al business dei dati, oppure di analizzare e integrare le metodologie di data science all’interno di processi strategici e di business. E non mancano i responsabili dei dati, in grado di coordinare la raccolta e l’elaborazione di ingenti flussi di dati, e di best practice per valutarne affidabilità, privacy e sicurezza».

Aggiornamento continuo

«I processi di digitalizzazione che stiamo vivendo richiederanno profili con un mix di competenze, in grado di gestire la complessità tecnica, tecnologica, organizzativa e gestionale - chiariscono da Manpower group -. Mentre le aziende si trasformano e implementano processi di digitalizzazione, mutano anche le esigenze in termini di skills. Fra i profili più richiesti vi saranno quelli connessi alla business transformation con competenze digitali in grado di supportare le organizzazioni nella gestione del cambiamento».

Le chance per scienze politiche

Per scienze politiche il panorama di opportunità spazia dal pubblico al privato. In entrambe i settori ci sono possibilità di crescita e carriera che spesso inizia con lo svolgimento di uno stage o un tirocinio, in organizzazioni internazionali, autorità, agenzie di regolamentazione a livello nazionale, dell’Unione europea e internazionale.

Secondo gli operatori specializzati del mercato del lavoro - oltre alle opportunità (dopo aver superato dure selezioni e una concorrenza agguerrita) di carriera diplomatica - , ci sono possibilità di inserimento per i laureati in scienze politiche in grandi aziende e società di consulenza, organizzazioni non governative e non profit.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati