Inchiesta

Sentenze tributarie pilotate, arrestato l’autore Rai Casimiro Lieto

Lieto - autore del programma di Rai2 “La domenica ventura” e in passato autore di “La prova del cuoco” e “La vita in diretta” - deve rispondere in concorso con Antonio Mauriello, ex giudice tributario e attualmente componente del Consiglio nazionale della giustizia tributaria a Roma, e Fernando Spanò, presidente della IV sezione del Consiglio tributario regionale di Salerno.


default onloading pic

2' di lettura

C’è anche il manager televisivo Casimiro Lieto tra gli arrestati nell’operazione della Guardia di finanza di sulle sentenze pilotate nella Commissione tributaria di Salerno. Lieto - autore del programma di Rai2 “La domenica ventura” e in passato autore di “La prova del cuoco” e “La vita in diretta” - è accusato di concorso in corruzione. Lieto deve rispondere di uno dei 13 capi di imputazione contestati agli arrestati questa mattina, in concorso con Antonio Mauriello, ex giudice tributario e attualmente membro del Consiglio nazionale della giustizia tributaria a Roma, e Fernando Spanò, presidente della IV sezione del Consiglio tributario regionale di Salerno.

Utilità in cambio di atti
I tre, scrive il gip Pietro Indinnimeo nell'ordinanza, «si accordavano per la corresponsione di un’utilità, consistente nell’individuazione e messa a disposizione, a favore di Fernando Spanò...di un posto di lavoro a beneficio di Franco Spanò, figlio del predetto Ferdinando, al fine di pilotare l’iter procedimentale e condizionare favorevolmente l’esito di un procedimento tributario di 229.086 euro afferente...Casimiro Lieto, definito in secondo grado, con esisto favorevole al contribuente nel corso dell'udienza del 27 giugno 2017, con sentenza nr 6641/17 depositata in data 14 luglio 2017».

«Muriello ostentava rapporti con la Lega»
È un giudice coinvolto nell’inchiesta a raccontare il sistema corruttivo che vede al centro Antonio Mauriello, dal 2018 membro del Consiglio nazionale della giustizia tributaria. Il giudice Spano, che racconta di Casimiro Lieto, produttore televisivo della Rai, conosciuto nel 2017 grazie ad Antonio Mauriello. Lo stesso Mauriello che, in «virtù della sua funzione ricoperta presso il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria a Roma - si legge nelle carte - ostentava rapporti e contatti con esponenti apicali della Lega Nord».

La punta di un iceberg
«Un sistema consolidato che sembrava essere unicamente la punta di un iceberg ben più profondo»: così il gip di Salerno tratteggia nell’ordinanza l’intero sistema corruttivo sul quale, ormai da mesi, sta lavorando la Guardia di Finanza di Salerno, svelando una serie di episodi di corruzione che vedono coinvolti giudici, funzionari, commercialisti ed imprenditori. All’interno di questo ingranaggio si inserisce, secondo inquirenti ed investigatori, Mauriello.

Gli altri indagati
In carcere è finito, come detto, anche Casimiro Lieto originario dell’Irpinia. La conoscenza tra quest’ultimo e Mauriello risalirebbe agli inizi del 2017. Le altre cinque persone arrestate sono Giuseppe Pagano (giudice tributario), Rosario Attilio Passarella (dipendente amministrativo presso la Commissione Tributaria di Salerno), Francescopaolo Savo (professionista tributario), Giuseppe Somma (professionista tributario), Paola Panariello.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...