Calzature «storiche»

Sentier reinventa gli «scarponi» d’autore

Il brand nato quasi per gioco oggi vende da Aspen a Reykjavik, passando per boutique italiane di montagna e di città

di Paola Dezza

2' di lettura

Un prodotto di qualità apprezzato all’estero, tanto che si può trovare in città come Reykjavik, Aspen e Arles. Roberta Segantin per il suo brand “Sentier” ha scelto di riprodurre un modello storico di pedule, stivaletti tipici per camminate in montagna, e affiancarle a friulane che non passano inosservate. Da allora il brand è cresciuto e ha permesso a Roberta di inaugurare collaborazioni virtuose e una serie di guide sulle località italiane più note di montagna, da Courmayeur a Cogne, da Cortina a Cervinia.

«È una attività nata quasi per gioco e poi cresciuta negli anni - racconta Roberta -. Quando ancora eravamo fidanzati, un giorno mio marito è venuto in moto a un appuntamento e aveva indosso delle pedule meravigliose acquistate molti anni prima. Da quel momento è scattata una ricerca spasmodica dell’artigiano che le aveva realizzate. L’ho trovato a Montebelluna (Roberta vive e lavora a Treviso, ndr) e da tre anni ormai mi dedico a questa produzione».

Loading...

È una linea interamente realizzata nella zona dove Roberta risiede, con pellami “Made in Italy”, una produzione limitata perché fatta a mano. La scelta da subito è stata di affiancare i due canali di vendita, negozi e online. «Quest’ultimo con la pandemia è cresciuto moltissimo - dice Roberta -. Per quanto riguarda i negozi, siamo presenti soprattutto in punti vendita in località di montagna, da Corvara a Limone Piemonte, da Bolzano a Cortina d’Ampezzo, passando però per boutique di Firenze, Bergamo, Como, Vicenza e altre città italiane».

Le pedule sono di un unico modello, cambiano però i materiali, dalla pelle d’alce al bufalo fino alla crosta nepal (uno scamosciato).

Ogni anno “Sentier” produce circa mille pezzi di pedule e altrettanti di friulane. Queste ultime vengono realizzate in stoffe e velluti ricercati. «Il velluto in particolare è più slavato di quello classico e ha un effetto non regolare - spiega Roberta -. Sono velluti realizzati da una azienda toscana, ma facciamo anche friulane in tweed dei loden e in velluto a coste in 17 varianti di colore».

Una collaborazione è quella con Mimi Thorisson, famosa food blogger che vive oggi nella campagna francese del Medoc, dopo essere cresciuta tra Hong Kong e Parigi. Per lei sono state create friulane con le sue iniziali.

Dal libro “Alpine Cooking” di Meredith Erickson sono invece stati tratti i racconti e le ricette della Guida Alpina.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti