Innovation Days

Senza Lombardia l’Italia è ferma Fontana: «Aiuti all’innovazione»

di Sara Monaci

default onloading pic
(ANSA)


3' di lettura

Dagli industriali milanesi e lombardi arriva l’allarme per il crollo di produttività e competitività atteso ad ottobre, ma lanciano alla politica un segnale di incoraggiamento nell’utilizzo dei fondi europei del Mes. E se il governatore della Lombardia Attilio Fontana sottolinea come «il Mes non cambi la quantità delle risorse per il sistema sanitario lombardo, in quanto alleggerisce solo gli interessi», al contempo dichiara anche di voler supportare gli imprenditori: «L’Italia non riparte senza la Lombardia, sosterremo ricerca, innovazione e semplificazione». Durante la tappa di ieri di “Innovation days” - il roadshow organizzato dal Sole 24 per parlare di impresa, ricerca e innovazione, introdotto ieri dal direttore del Sole 24 Ore, Fabio Tamburini - sono emersi i problemi, le preoccupazioni ma anche le sfide che il sistema manifatturiero italiano e le grandi aziende private e pubbliche stanno fronteggiando ai tempi del coronavirus, un grave problema sanitario ma anche la maggiore catastrofe economica dal dopoguerra ad oggi.

Dopo il lockdown della scorsa primavera, e ancora adesso con il timore di nuovi focolai, il modo di lavorare e organizzare le imprese sta cambiando. Potrebbero esserci appunto problemi occupazionali e produttivi da fronteggiare in autunno, ma anche nuove occasioni di crescita, offerte dalla digitalizzazione, dallo smart working, da forme di edilizia più evoluta. L’evento di ieri, che ha fatto dialogare manager, politici e imprenditori, è stato trasmesso in diretta straming, con 1.400 iscritti, 950 utenti connessi e oltre 70 chat.

Secondo il presidente di Confindustria Lombardia Marco Bonometti «il territorio che riparte è la testimonianza che la regione che traina il Paese, nonostante le durissime conseguenze della pandemia, è viva e si rimette in moto, con la volontà di tornare più forte e innovativa di prima. Per uscire da questa situazione la sola forza delle imprese però non basta: serve un supporto, attraverso azioni rapide e concrete, incentrato su le seguenti priorità: credito e liquidità, semplificazione, investimenti, sanità, mercato interno e competitività».

A livello regionale, dunque, gli imprenditori sono certi di poter contare su sinergie con le istituzioni. Ma, dice Bonometti, «auspichiamo che la stessa cosa accada anche a livello nazionale perché in caso contrario il declino inesorabile è ciò che si prospetta per l’Italia. Temiamo soprattutto uno shock economico ad ottobre, con un calo di export e produttività».

«I nostri associati - aggiunge Bonometti - ci dicono che non hanno più fiducia nel nostro Paese ma non hanno perso la speranza. Gli imprenditori chiedono di avere delle certezze per il futuro. Le previsioni che noi abbiamo e che fino alla seconda metà del 2021 non riusciremo a recuperare il gap rispetto al periodo pre-covid. Ma l’industria da sola non può farcela e serve uno sforzo comune con gli attori della produzione, della finanza e delle rappresentanze. Se la Lombardia non riparte resterà ferma anche l’Italia. Pertanto vanno incentivate le persone a utilizzare prodotti nazionali, soprattutto nell’automotive, che rappresenta il 7% del Pil e ora rischia di espellere più manodopera di altri. Non serve in questo momento sostenere l’industria dell’auto elettrica che va a sostegno dei prodotti cinesi. Infine riteniamo che Industria 4.0 debba essere concentrata sulla formazione».

Per il governatore della Lombardia Fontana senza la Regione «si ferma tutto il paese», e sottolinea l’importanza delle 13 università e dei 7 centri di ricerca del territorio, che lo rendono il più competitivo d’Italia. «Sul fronte delle finanze non possiamo indebitarci nella parte corrente, inoltre i fondi Mes non daranno più risorse alla sanità. Tuttavia stiamo lavorando ad un progetto di legge sulla semplificazione, che ha iniziato il suo iter in Giunta, e stiamo utilizzando i 3,5 miliardi pianificati a livello regionale per le infrastrutture. Inoltre la Regione ha stanziato 400 milioni per i Comuni lombardi». Sul fronte della lotta al contagio, Fontana sottolina che «continueremo con la massima determinazione nella lotta al virus. I numeri sono positivi ma purtroppo si stanno verificando alcuni strani episodi di focolai che ripartono attraverso persone che provengono da Paesi dove il virus è ancora virulento. Lavoreremo per migliorare la sanità territoriale». Sul fronte della lotta al Covid, Elio Franzini, rettore dell’Università Statale di Milano ha detto che quello milanese è il 5° ateneo al mondo per ricerca contro il Covid ma ha aggiunto che «il lockdown non ha fa,vorito la ricerca, pertanto sarà importante tornare in aula con una modalità mista. In questi mesi - ha detto - siamo riusciti a proseguire la didattica, a settembre pensiamo ad un mix di presenza e digitalizzazione, magari con matricole scaglionate. La presenza fisica è importante nei laboratori, ma continueremo anche a distanza a sostenere gli studenti fuori sede».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti