ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùConegliano

Serena Wines 1881 supera i 100 milioni di fatturato, più della metà all’estero

Oltre il 90% del giro d’affari è realizzato in bar e ristoranti. Nel 2023 l’obiettivo è consolidare risultati ed export, con focus su Usa, Canada e Francia

di Emiliano Sgambato

(Isabella - stock.adobe.com)

2' di lettura

Il fatturato 2022 di Serena Wines 1881 ha superato il tetto dei 100 milioni, soprattutto grazie al prosecco, all’export e alla ripresa dei consumi in bar e ristoranti, che assorbono oltre il 90% della produzione. I volumi dell’azienda vitivincola di Conegliano sono infatti cresciuti del 10% per un totale che sfiora i 400mila ettolitri e un valore che aumenta però del 25%. La quota di export ha superato il 53% dell'intero fatturato.

L’azienda rimane solida sul settore dei fusti, dove registra una crescita del 12% sui volumi. «L’obiettivo minimo – comunicano da Serena Wines 1881 – è di replicare tali risultati anche nel prossimo anno».

Loading...

I mercati esteri più importanti sono la Germania, che quest'anno è tornata a primeggiare su tutti superando i 12 milioni; gli Usa in seconda posizione con 7 milioni. Seguono Polonia – «mercato sempre più maturo per il Prosecco ma ancora in crescita» – la Gran Bretagna, la Francia, «che registra la migliore performance dell'anno con un +60% rispetto al 2021». «Rimane in solida e costante crescita tutta l’area dell'Europa centro-orientale – continua la nota dell’azienda – con conferme importanti da parte dei singoli Paesi, compresa la Russia. Per ovvie ragioni l'Ucraina ha subito nel 2022 una netta inflessione (-20% sul 2021) che visti gli attuali frangenti, si può considerare un grande risultato».

Tra i traguardi raggiunti nell’anno appena concluso vengono ricordati il progetto Audace underwater wine, l’ottenimento della certificazione di sostenibilità Equalitas, il consolidamento della collaborazione con i ragazzi di Alex Zanardi tramite il progetto Obiettivo3 e l’apertura al pubblico dell'enoturismo Ville d’Arfanta.

«Siamo molto soddisfatti dei risultati conseguiti – commenta Luca Serena, quinta generazione alla giuda di Serena Wines 1881 – e abbiamo in serbo nuove progettualità commerciali per il 2023, con focus particolare su Usa, Canada e anche in Francia, mercato dove prevediamo una ulteriore forte crescita. Inoltre stiamo perfezionando alcuni progetti per approcciare il mercato turco e dare ulteriore vigore a quello Europeo, dove è in particolare la Scandinavia a tenerci impegnati con la partecipazione ai nuovi tender».

Per il conseguimento degli obiettivi prefissati, l'azienda è già da tempo impegnata nei lavori di consolidamento della forza commerciale in Italia, e sta lavorando per configurare un 2023 che vedrà nuove collaborazioni per il marchio Costaross e l’organizzazione di cene degustazione dei prodotti delle linee Champagne De Vilmont (marchio acquisito da Serena Wines nel 2005) e Ville d’Arfanta. In programma anche il lancio di un nuovo prodotto destinato esclusivamente al segmento horeca Italia e di un nuovo prosecco Doc Ville d'Arfanta extra brut.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti