ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùcalcio e business

Serie A, Lega spaccata sui fondi. I private equity: niente rilancio

Mancano in nove, salta l'assemblea: club divisi su Sky/Dazn e sulla newco. Del Pino: «Prima dobbiamo decidere sui diritti Tv: in ballo un progetto ampio»

di Andrea Biondi e Carlo Festa

Diritti tv, Ilaria D'Amico: Serie A senza Sky è inimmaginabile

Mancano in nove, salta l'assemblea: club divisi su Sky/Dazn e sulla newco. Del Pino: «Prima dobbiamo decidere sui diritti Tv: in ballo un progetto ampio»


3' di lettura

L'Aventino non è di quelli derubricabili. La diserzione di nove club (Bologna, Crotone, Genoa, Sampdoria, Sassuolo, Benevento, Spezia, Torino e Roma) che ha fatto saltare l'assemblea di ieri – all'ordine del giorno la scelta fra Sky e Dazn per l'aggiudicazione dei diritti audiovisivi per il triennio 2021-24 – è nei fatti la prova di una profonda spaccatura in Lega, venutasi a creare sull'asse diritti Tv-fondi di private equity. E come nella migliore tradizione della Confindustria del pallone, tutto si intreccia fino a creare grovigli che è anche eufemistico definire come difficili da districare.

Ora le diplomazie sono al lavoro. L'assemblea è stata rinviata a un giorno della prossima settimana – martedì o mercoledì – e, come riferisce al Sole 24 Ore un presidente di lungo corso, «dopo il Far West di questi giorni, ora è arrivato il momento di sedersi a un tavolo e ragionare per una soluzione». Non sarà semplice. «Spiace riscontrare una differenza di vedute tra i club in un momento così importante. Soprattutto dopo che per mesi siamo riusciti a collaborare con successo, creando le condizioni affinchè l'asta dei diritti televisivi domestici raggiungesse un ottimo risultato» ha commentato ieri il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino che si è detto però «certo che presto verranno superate le divisioni che hanno creato questa situazione».

Loading...

L'orizzonte, ci tiene a chiarire Dal Pino evidenziando la volontà di andare a fondo nella partita, è di lungo termine con davanti «quattro anni per rilanciare insieme la Serie A e riportarla a una leadership in Europa, come merita il nostro calcio». Ma come superare l'impasse? Al Sole 24 Ore replica chiaro che «prima dobbiamo chiudere l'assegnazione dei diritti Tv. Il progetto fondi è strategico, è per il futuro del sistema calcio, ma sarà affrontato solo dopo la fine dell'asta».

Intanto Sky e Dazn stanno duellando senza esclusione di colpi. La media company di casa Comcast l'altroieri ha scritto alla Lega e ai presidenti mettendo sul piatto un anticipo da oltre mezzo miliardo entro tre giorni dall'eventuale assegnazione. La risposta di Dazn è affidata a una lettera in Lega, in cui la mossa di Sky è stata bollata come «offerta tardiva» oltre che «un pericoloso precedente per la Lega Serie A» e una proposta con cui «Sky sta sostanzialmente offrendo alla Lega Serie A una somma che effettivamente appartiene a quest'ultima». Il riferimento è al fatto che nei 505 milioni sono compresi anche 130 milioni dell'ultima rata dello scorso campionato non pagata e oggetto di controversia fra Sky e la Lega.

Mossa che non deve essere rimasta inosservata al Tribunale di Milano visto che ieri, pur non entrando nel merito che sarà discusso l'8 giugno, è stata ordinata l'esecuzione provvisoria del decreto ingiuntivo contro una Sky che si è detta «non sorpresa», ma che ora dovrà comunque versare 130 milioni.

Quanto ai fondi, l'alleanza con i private equity non è ancora tramontata. La Lega Serie A, di fatto, al momento è spaccata in due fronti: sette club, capitanati da Juventus e Inter, assieme ai contrari della prima ora (Lazio e Napoli) e a Fiorentina, Atalanta, Verona avrebbero voluto votare ieri stesso per l'assegnazione in favore di Dazn: mossa finalizzata a mettere fuori gioco anche i private equity. Il presidente della Lazio Claudio Lotito resta il più strenuo oppositore all'accordo, tanto che starebbe guardando anche a una soluzione alternativa, come una linea di prestito di qualche grande fondo specializzato, fra cui il già noto Fortress e Apollo.

Teoricamente i fondi di private equity potrebbero contare su 13 voti a favore, ma il numero non basta all'approvazione del termsheet per il quale sono necessari 14 voti. Bisognerebbe convincere qualche club, attualmente contrario all'accordo, a cambiare idea: si guarda ad Atalanta e Fiorentina.

In alcuni recenti incontri sarebbe poi emersa anche la riflessione di alcuni presidenti pronti a chiedere ai private equity un miglioramento della proposta, anche alla luce delle offerte, inattese nella loro entità, di Sky (750 milioni annui) ma soprattutto di Dazn (840 milioni) e tali da far interrogare se sia conveniente (o meno) a proseguire la strada con i fondi.

Nel frattempo, la cordata di questi ultimi (Cvc, Advent e Fsi) si tiene alla finestra. Dopo i miglioramenti degli ultimi mesi all'offerta da 1,7 miliardi per il 10% della media company, non sembrano disposti a ulteriori ritocchi. Il grande tema all'orizzonte per i private equity è quello della rischiosità dell'investimento: anche se si dovessero ottenere i 14 voti in assemblea necessari a ratificare il termsheet, quale potrebbe essere la tenuta di un investimento dove diversi partecipanti all'operazione sono contrari? Il rischio è quello di continue contrapposizioni nella gestione della media company, un pericolo che qualsiasi comitato d'investimenti di un fondo si guarda bene da sottovalutare.

Per approfondire

Calcio, la passione dei fondi di private equity per la Serie A

Leggi lo scenario

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti