FACILITY

Servizi Italia parte dalla nuova sede di Parma per raddoppiare all’estero

di Ilaria Vesentini

default onloading pic


2' di lettura

Parte dal nuovo quartier generale di Castellina di Soragna, nella Bassa Parmense, la prossima sfida di Servizi Italia, primo operatore nazionale nei servizi integrati di noleggio, lavaggio e sterilizzazione di materiali ospedalieri: «Raddoppiare il fatturato nei prossimi dieci anni, esattamente come abbiamo fatto dal 2007 a oggi», sottolinea Enea Righi, ad della società nata nel 1986 come piccola lavanderia nella terra ducale, rilevata nel 2002 da Coopservice e da 11 anni quotata allo Star.

Servizi Italia ha appena inaugurato la nuova sede direzionale, oltre 3mila metri quadrati all’insegna della sostenibilità ambientale, dove lavorerà uno staff di 130 persone (sui 3.470 dipendenti del gruppo nel mondo) per governare una rotta di sviluppo orientata tutta oltreconfine, dal Sud America al Sud-Est Asiatico. «Il mercato domestico è ormai saturo – spiega l’ad – mentre i mercati esteri valgono oggi poco più del 25% dei nostri 252 milioni di euro di fatturato. L’obiettivo è arrivare al 50% di ricavi esteri nel giro di pochi anni portando il consolidato al mezzo miliardo. E già nei prossimi giorni annunceremo una nuova acquisizione nei Balcani».

Oggi Servizi Italia opera in Italia con 10 grandi impianti di lavanderia – a partire da quello storico di Parma, adiacente al nuovo headquarter, a sua volta al centro di un investimento da oltre 3 milioni di euro per un impianto di cogenerazione – oltre a 16 centrali di sterilizzazione per gli strumenti chirurgici e altre 7 per i tessuti ospedalieri. Ha poi 4 lavanderie in Brasile e, attraverso società partecipate, è presente in India, in Albania, in Marocco e in Turchia. Un percorso di internazionalizzazione avviato nel 2012, che pochi mesi fa è sfociato in un ulteriore investimento da 9,3 milioni di euro in Brasile, dove sono partiti i cantieri di un impianto produttivo greenfield di lavanderia industriale ad alto livello tecnologico che dal 2019 erogherà servizi di lavanolo per la sanità pubblica e privata nello stato di Amazonas. Mentre lungo lo Stivale, dove Servizi Italia compete nella nicchia con altre gruppi emiliani come Manutencoop e Sogesi, si punta a diversificare il business in segmenti contigui dell’outsourcing e del facility per la sanità.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti