Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 09 dicembre 2013 alle ore 17:24.

My24

Ha compiuto 37 anni lo scorso 20 ottobre, è sposato e padre di tre bambine, insegna alla Johns Hopkins di Bologna dopo un PhD alla Columbia University (qui il curriculum), faceva (anzi fa) parte dei dirigenti del Pd dell'Emilia Romagna e ha elaborato un progetto di legge per gli ammortizzatori sociali da estendere ai lavoratori precari, bocciato però dalla sua Regione. Soprattutto, però Filippo Taddei, appena nominato da Renzi alla segreteria nazionale del Pd è un 'civatiano' convinto e della primissima ora.

Ha seguito passo passo la discesa politica di Pippo Civati in Emilia, era al suo fianco in ogni occasione ufficiale, un passo indietro ma sempre dichiaratamente presente. Le sue idee sono tuttora esposte nel sito dedicato alla campagna, Civati segretario. E oggi, a meno di 24 ore da quel 14% che ha relegato all'ultimo posto nella classifica delle preferenze dei votanti alle primarie il suo uomo, si ritrova, lui Filippo Taddei, a rappresentarlo a Roma, chiamato al suo fianco dal vincitore. Come l'avrà presa Civati non è ancora dato sapere, ancora. Quanto al trentasettenne bolognese basta leggere la sua pagina Facebook per scorrere una serie infinita di congratulazioni.

Commenta la notizia