L’intervista a Pierluigi Iezzi

«Servono gli incentivi per aiutare le Pmi»

di Nino Amadore

2' di lettura

«Vista la situazione ritengo sia necessario a questo punto introdurre misure per incentivare le imprese a intervenire sul fronte della cyber sicurezza». A parlare è Pierguido Iezzi, Ceo di Swascan, la società che ha fondato insieme a Raoul Chiesa e che ora fa parte del Gruppo Tinexta. Un invito, quello di Iezzi, a modernizzare un sistema che soprattutto nel Mezzogiorno mostra tutte le sue pericolosissime falle. Lui non lo dice ma sembra chiaro: una misura come il credito di imposta per chi investe in cybersicurezza potrebbe essere utile.

Vien da pensare che il cyber crime sia un problema solo per la grandi aziende e gli apparati pubblici.

Loading...

Non è affatto così: il criminale cerca una porta da aprire per entrare e sulla porta non c'è scritta la dimensione del fatturato. Lui entra e si appropria dei tutto quello che ritiene utile, soprattutto i dati.

Quindi, lei dice, nessuno può sentirsi al sicuro.

Esatto: mentre per una grande azienda è relativamente più semplice perché ha risorse da investire in sicurezza e risorse per riappropriarsi dei dati che le sono stati sottratti. Per una Pmi tutto è molto più complicato sia per la prevenzione che richiede investimenti in infrastrutture e formazione dei dipendenti, sia nella fase successiva all’attacco quando il cyber criminale si presenta perché vuole il denaro.

E dunque cosa bisogna fare?

Credo sia essenziale che venga adottato in modo strategico un piano di investimenti pubblici che permetta sia di mitigare i rischi e le vulnerabilità della Pubblica amministrazione, invero emersi con fin troppa evidenza nel periodo pandemico, sia che sviluppi un sistema di incentivazione degli investimenti da parte delle Pmi.

Sembra di capire che, grazie al Pnrr, vi siano a disposizione risorse bastevoli per affrontare anche questo tipo di problema che è esploso con il cosiddetto caso Lazio.

Il Pnrr potrà essere un’occasione per dotare il Paese di un sistema di cybersicurezza efficace contro le nuove minacce, anche attraverso la realizzazione di infrastrutture digitali più evolute. ma devo aggiungere che se da un lato l'obiettivo dichiarato è certamente coerente con le esigenze di sicurezza dei sistemi informatici ed informativi, ormai largamente minacciati da attacchi criminali sempre più frequenti, organizzati e destabilizzanti, dall'altro, va osservato che la cyber security non sembra
approcciata nel Piano in modo organico e funzionale alle esigenze rappresentate.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti