CONTENUTO PUBBLICITARIO

Sfumare i confini: lo spazio bagno non ha più nulla da nascondere

4' di lettura

Storicamente, fino alla metà del XIX secolo, il bagno era un rituale pubblico, un’occasione sociale che si svolgeva in grandi case da bagno comunitarie. Una tradizione che affonda le radici in Asia e in India dove il bagno e la pulizia erano un rituale religioso legato alle acque curative dei fiumi, ma che solo con i Greci e i Romani divenne un'attività ricreativa aperta a tutti.
Il rigore morale che caratterizzò l'epoca vittoriana e i progressi tecnologici che portarono all'invenzione dell'impianto idraulico e all'accesso dell'acqua corrente nelle case costituirono un cambiamento epocale nel nostro rapporto con lo spazio bagno: l'importanza sempre maggiore per la privacy, la comodità e l'igiene fece sì che ai sontuosi bagni pubblici della tradizione si sostituirono spazi sempre più piccoli concepiti solo a fini utilitaristici e di privacy e sempre più confinati negli angoli residui delle abitazioni.

Negli ultimi anni stiamo assistendo a un'inversione di tendenza, la nostra definizione di “stanza” da bagno sta evolvendo di pari passo all'evoluzione del concetto di privacy e benessere; lo spazio bagno è oggi uno spazio da progettare con la stessa sensibilità con cui progettiamo il resto della casa e non uno spazio di seconda classe in cui sistemare degli “attrezzi” utili.
Antoniolupi è stato tra i primi a intercettare questi segnali di cambiamento sia a livello di lifestyle che a livello sociologico, un precursore a lanciare la sfida all’idea che il bagno debba essere delimitato in un locale apposito, portando la vasca da bagno fuori dalla stanza da bagno e creando collezioni che mirano a sfumare i confini tra spazio bagno, living e camera da letto.
Queste sono le sfide che antoniolupi affronta ogni giorno attraverso la costante ricerca e sviluppo di materiali e prodotti innovativi che hanno dilatato lo spazio bagno oltre i propri confini, perché oggi il bagno non ha più nulla da nascondere….
Alcuni dei prodotti presentati al recente Salone del Mobile di Milano illustrano meglio questa inversione di tendenza di cui antoniolupi è stato un antesignano.

Sfumare i confini:  lo spazio bagno non ha più nulla da nascondere

Sfumare i confini: lo spazio bagno non ha più nulla da nascondere

Photogallery17 foto

Visualizza

ANIMA LIQUIDA
Il progetto AnimaLiquida si amplia andando ad esplorare altri ambienti della casa. Una quinta scenica che si accosta alla parete sovrapponendovi una superficie in legno in diverse essenze o laccata, un fronte elegante e continuo interrotto unicamente da tagli verticali che ne segnano la modularità. Il mobile offre anche un pratico piano d'appoggio nascosto dall'altezza delle ante che sporgono e lo schermano alla vista. La boiserie/contenitore viene proposta nella versione con moduli a terra o sospesi in diverse larghezze, altezze e profondità tra cui la versione da 40 cm; le molteplici finiture e cromie contribuiscono a instaurare un dialogo virtuoso ed elegante, com'è nello stile di antoniolupi, con le altre superfici e texture che arredano e caratterizzano i vari spazi della casa.

BEMADE contenitori
La linea Bemade contenitori fa parte della collezione Bemade, una soluzione di contenitori pratici ed eleganti disegnati da Carlo Colombo per antoniolupi nel 2020 e ampliata nel tempo per adattarsi ad ogni ambiente della casa. Aggiornati nelle dimensioni e nelle proporzioni i nuovi armadi guardaroba possono essere realizzati in diverse essenze di legno o nell’ampia gamma di palette di laccati antoniolupi, adattando con un accento rigoroso ma sofisticato qualsiasi spazio, bagni e anti-bagni ma anche camere da letto o soggiorni. Un profilo marcato, deciso, assoluto, è il tratto distintivo del progetto BEMADE: un segno grafico che afferma uno stile, disegnando un paesaggio domestico fatto di pieni e vuoti, di accostamenti cromatici ricercati, di riflessi e giochi di luci e ombre.

LETTERA MUTA
Innovativa, multifunzionale, discreta e naturalmente elegante Letteramuta è la nuova mensola in alluminio disegnata da gumdesign per antoniolupi che si inserisce, con discrezione e classe, non solo in bagno ma in tutti gli altri spazi dell'abitazione.
Il riferimento esplicito è all'architettura, o meglio a uno degli elementi costruttivi che simboleggia il sistema portante in acciaio utilizzato spesso negli edifici moderni e contemporanei. L'immagine essenziale e pulita nasconde una multifunzionalità inaspettata e un'ampia possibilità di personalizzazione, tanto nelle dimensioni modulari o su misura, quanto nell'aspetto estetico. Una versatilità che la rende perfetta per un living elegante e contemporaneo, ma anche per la zona notte o per la cucina.

TAPPETI
La nuova collezione di tappeti di antoniolupi è un articolato mondo di segni, geometrie, grafiche, di campiture neutre e tracce sottili che le delimitano, un mondo che spazia attraverso un incontro fra le avanguardie artistiche del primo novecento e la corrente della minimal art della fine degli anni ‘60 reinterpretandole in modo contemporaneo e moderno. Alcune delle matrici formali sono la geometria, il rigore, l’assenza di decorazione, una sintesi tra forma volume e colore, dove si tiene conto delle nozioni di spazio e ordine. I tappeti antoniolupi portano il mondo dell'arte a dialogare con gli arredi e conferiscono all'ambiente bagno una vera e propria dimensione abitativa donandogli un'aurea elegante e ricercata; la loro matrice geometrica e minimale permette l'inserimento in ambienti e contesti di diversi.

Loading...

Scopri di più su www.antoniolupi.it

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati