lifestyle

Sharing economy, ora anche il design si prende in affitto

di Fabrizia Villa


default onloading pic

4' di lettura

Ce l’hanno insegnato le piattaforme come Netflix e Spotify: si può avere tanto, a volte fin troppo, senza in realtà possedere nulla. L’utilizzo temporaneo di beni è una presenza sempre più importante nel nostro quotidiano e nelle nostre scelte di vita e, quando si parla di casa, il modello può diventare addirittura virtuoso.

La sharing economy conquista l'arredo design

La sharing economy conquista l'arredo design

Photogallery18 foto

Visualizza

Tra i pionieri della sharing economy applicata al mondo dell’arredo e del design, c’è la coppia formata da Dario Brivio e Francesco Cazzaniga, giovani titolari di Studio Apeiron. Tutto è nato da una chiacchiera tra amici. «Un giorno – racconta Brivio – Francesco mi ha detto: ma tu lo prenderesti un nostro tavolo al costo di un caffè? Così è iniziata la nostra ricerca per rendere accessibili ai più i nostri tavoli di design». A gennaio è cominciata la campagna per lanciare #AfforTable e abbiamo consegnato i primi tavoli, quattro versioni per cominciare e tutte customizzabili per misure, tipologia e colore di gambe e finiture. Il noleggio minimo è di sei mesi e costa 180 euro, detraibili eventualmente dagli 850 euro richiesti per riscattarlo. «Il successo dell’iniziativa – prosegue Brivio – ci ha spinti ad andare oltre e, all’ultima Design Week milanese, abbiamo presentato nuovi prodotti (una libreria modulare, sgabelli, tavolini e una lampada), che pensiamo saranno disponibili per il noleggio già alla fine di quest’anno».

L’esigenza sempre più diffusa non solo di cambiare spesso località e abitazione, ma anche di rinnovare l’arredamento nel segno dell’economia circolare, sembra confermata anche da un colosso del mobile come Ikea, che ha avviato in alcuni Paesi il test di un nuovo modello di business che prevede la possibilità di noleggiare i mobili prolungandone così la vita.
«Abbiamo l’ambizione di trasformare Ikea in un'impresa “circolare” entro il 2030, attraverso l’uso di materiali intelligenti e un cambiamento dell’attuale modello di produzione e di consumo. Sperimenteremo nuove occasioni di riuso dei nostri prodotti, promuovendo delle attività dedicate al tema del second hand», spiega Alessandro Aquilio, country sustainability manager di Ikea Italia.

Il noleggio anche vintage
Un’esperienza particolare è quella di S.Oggetti, idea imprenditoriale nata dalla collaborazione di tre amiche con la passione per il vintage: Marcella Galeone, arredatrice, Cinzia Santi, scenografa, e Letizia Lattuada, avvocato. Il loro è uno spazio di vendita e noleggio di arredi (tavoli, divani, poltrone, scrivanie, sedie), ma anche oggetti (stoviglie, vasi, soprammobili, quadri, giocattoli) dai primi del ’900 agli anni ’80, quindi con stili che vanno dal Déco allo scandinavo, passando per il Liberty e l’Optical anni '60.

Racconta Marcella Galeone: «L’affitto può durare da un giorno a tre mesi con prezzi proporzionati al valore dell’oggetto e alla durata del noleggio. Questo sistema ci permette di continuare a cambiare l’offerta e di contenere i prezzi della vendita offrendo l’opportunità anche ai privati di creare un’atmosfera vintage in casa anche solo per pochi giorni».

Per una cena tra amici
Per chi poi è alla ricerca di un noleggio ancora più effimero, ma ad alto tasso di design, sempre nel capoluogo lombardo, c'è Presso, che propone spazi multifunzionali e modulabili ideati per ospitare fino a 200 persone. Non avete una cucina o una casa abbastanza grandi per invitare gli amici a cena? Questa è un’occasione a ore adatta a quasi tutte le tasche. Noleggiare dalle 18 alle 24 la casa Urban (salotto e cucina per 8 persone sedute e 16 in piedi) costa 390 euro; la Luxury (per 16 ospiti seduti e fino a 40 in piedi) 975 euro, e comprende, oltre a salotto e cucina, anche una sala cinema, perfetta per chi vuole intrattenere i più piccoli mentre si cena. A fine serata ci sarà solo bisogno di chiudersi la porta alle spalle, le pulizie sono comprese nel prezzo.

Sono i dettagli a fare la differenza. Chi ha amato serie televisive come Downton Abbey e The Crown ha potuto apprezzare, al pari di location e costumi, le magnifiche tavole apparecchiate per i grandi banchetti o per le colazioni più intime. Cristalli, porcellane, posate e centri tavola preziosi oggi sono un piacere da condividere con gli amici anche a tempo determinato, come racconta Francesca Ragazzoni, che di arte della tavola si occupa da oltre vent'anni.
Dallo scorso anno il suo negozio, Unicorno Roma, offre un servizio innovativo, quello del noleggio di piatti e bicchieri di qualità. «Oggi le esigenze sono diverse, si cambia o si rinnova casa con una velocità sorprendente. Con il noleggio anche i servizi possono seguire questa voglia di trasformazione», dice Ragazzoni. Non solo, si possono organizzare pranzi e cene con mise en place d’effetto senza occupare armadi o mettere in conto investimenti importanti. Il meccanismo dell'affitto, che normalmente è per tavole da sei a 12 persone, è semplice. «Si sceglie il set che piace di più (il costo parte da 40 euro a posto) e noi lo consegniamo il giorno precedente al pranzo con tanto di disegno esplicativo per apparecchiare la tavola. Finita la cena, basta sciacquare i piatti e riporli nella scatola che ritireremo entro due giorni»

Airbnb diventa Plus
Chi ha unito i due concetti di affitto temporaneo e arredo di design in modo innovativo è il colosso dell’ospitalità Airbnb, che lo scorso anno ha introdotto Airbnb Plus, la nuova categorie di case di alta gamma verificate secondo criteri di comfort e qualità. Oltre a dover offrire standard di alto livello, gli host di Airbnb Plus vengono scelti tra coloro che hanno prestato particolare attenzione a tutti i dettagli dell'arredo.

Che un progetto di interior sia un fattore primario di seduzione lo sanno bene gli esperti di home staging, capaci di trasformare piacevolmente un ambiente per incrementarne il valore di mercato sia per la vendita sia per l'affitto. «All’estero è un servizio molto richiesto, mentre qui in Italia è un’attività che si sta diffondendo solo in tempi recenti», spiega Gabriela Solines di Staging IT che, accanto alla classica attività di visual marketing, offre agli homestager o a chi abbia bisogno di fare qualsiasi tipo d’allestimento nella zona di Milano arredi ed accessori a noleggio.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...