ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPARIGI, GIORNO 1

Show teatrali dalla festa barocca di Dior alla parata sensuale di Saint Laurent

Sorprende l’esordio parigino di Vaquera: una decostruzione ruvidissima del sistema di segni legato alle uniformi, dai marinai ai biker

di Angelo Flaccaveno

La sfilata Dior (Afp)

2' di lettura

Instancabile, insaziabile, bulimica nella fame mai placata di novità, la carovana della moda si è spostata a Parigi, ma le dinamiche non cambiano. L’accento sullo spettacolo, sovente a scapito dei vestiti, definisce ancora il momento, lo slittare inesorabile verso il solo entertainment, il prevalere dell'immagine sulla sostanza.

Lo show di Dior è concepito come una festa barocca - le stesse che si svolgevano nel Jardin des Tuileries, che adesso ospita il tendone della sfilata; le stesse volute da Caterina de’ Medici, cui la collezione è ispirata - con tanto di grotta di fili, opera dell’artista Eva Jospin, e balletto espressivo. Poco prima dell'inizio dello spettacolo, il direttore artistico Maria Grazia Chiuri dichiara «Più passa il tempo, più mi interessa lavorare su questi progetti invece della semplice sfilata».

Loading...

Un adagio che riunisce molti dei direttori creativi attualmente alla guida di maison storiche, con la differenza che Chiuri è in verità attentissima al prodotto, come confermano i solidi successi. L'unico neo, qui, è una letteralità evidente, che è peró anch'essa aria dei tempi, sicché il fantasma di Caterina si manifesta in una pletora di bustini, crinoline e zeppe, con un occhio a Vivienne Westwood, la prima a sdoganare il potere eversivo dei riferimenti al costume storico. Chiuri peró è concreta: i suoi bustini sono quasi dei gilet, mentre le crinoline sono spesso sostituite da giochi di coulisse che permettono di regolare la lunghezza. L’effetto è insieme teatrale e plausibile, ripetitivo ma rassicurante.

Le divine creature di Saint Laurent incedono flessuose su tacchi chilometrici, le mani affondate nelle tasche di cappottoni militareschi dalle spalle robuste, la testa velata da cappucci liquidi, il corpo sfiorato dal fluire del jersey. Anthony Vaccarello, direttore creativo dal segno asciutto e incisivo, non ha mai avuto paura di amplificate il sex appeal, anche a costo di sfiorare la sfrontatezza, ma nelle ultime stagioni ha mitigato i toni.

La sua donna seduce sempre, senza però scoprirsi, e l’effetto è molto elegante, insieme etereo e carnale. Nella collezione riecheggiano note molto francesi, moderne e post moderne - Madame Grès, Azzedine Alaïa che cita Madame Grès, e Claude Montana - sintetizzate in una silhouette lunghissima. L’effetto ha una gravitas che mitiga l’aspetto marziale dello show: una lenta parata sulla Place de Varsovie, attorno ad una fontana decó dal profilo militaresco, perché è chiaro che l’immaginario collettivo stia scivolando a destra. Non è affatto lento, ma accelerato, rumoroso e traboccante adrenalina, l’esordio parigino di Vaquera: una decostruzione ruvidissima del sistema di segni legato alle uniformi, dai marinai ai biker. Memento di come la moda, ancora, possa sorprendere.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti