ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRiforme Pnrr

Liti con il Fisco, sì alla riforma. Il 12 agosto la guida del Sole 24 Ore

Via libera della Camera alla revisione delle regole sul processo e sulla giustizia tributaria. Venerdì 12 agosto uno speciale di quattro pagine

di Ivan Cimmarusti e Giovanni Parente

Aggiornato l’11 agosto 2022 alle ore 15:30

Pnrr: soldi ci sono ma restano difficolta' di spesa

3' di lettura

All’ultimo atto di un Parlamento ormai sciolto, arriva il via libera della Camera al Ddl di iniziativa governativa sulla riforma della giustizia tributaria, con 288 favorevoli, 11 contrari e 27 astenuti. Un ok che recepisce le modifiche apportate dalle commissioni Finanze e Giustizia del Senato la scorsa settimana. Venerdì 12 agosto insieme al Sole 24 Ore, è in edicola uno speciale tutto dedicato alla nuova normativa ordinamentale e processuale, con articoli, analisi e approfondimento sul testo che si avvia verso la pubblicazione in «Gazzetta Ufficiale».

Cinquant’anni dopo - dalla normativa del 1972 - la giurisdizione “onoraria” va in archivio, per far posto a una “professionale” che avrà l’onere di snellire un contenzioso che vale circa 40 miliardi di euro l’anno. In sostituzione delle Commissioni provinciali e regionali, inoltre, arrivano le Corti di giustizia di primo e secondo grado.

Loading...

Come agisce la riforma

La riforma, voluta dalla Guardasigilli Marta Cartabia e dal ministro dell’Economia Daniele Franco, agisce sul doppio livello dell’organizzazione della giustizia tributaria e delle regole del processo per gli addetti ai lavori. I ricorsi in primo grado fino a 3mila euro e notificati dal 1° gennaio 2023 saranno decisi da un giudice monocratico. Nella quantificazione del valore della lite, come prevede la modifica inserita al Senato, si terrà conto anche dell’imposta virtuale calcolata a seguito delle rettifiche di perdite.

Iter delle microliti da snellire

Di fatto, si punta a snellire l’iter delle microliti, cause bagatellari che nel 2021 rappresentavano il 49,6% del numero delle controversie in primo grado e il 32,6% in appello, anche se con un peso finanziario minimo, pari allo 0,2% e allo 0,3% sui complessivi 16,7 miliardi di euro.

Messa a sistema digitalizzazione del processo tributario

Arriva poi una messa a sistema della digitalizzazione del processo tributario. Le udienze pubbliche, tenute dalla Corte di giustizia tributaria di primo grado in composizione monocratica, ma anche l’udienza di trattazione della istanza di sospensione dell’esecuzione dell’atto impugnato e quella di trattazione della istanza di sospensione in caso di appello davanti alla Corte di secondo grado, si svolgeranno esclusivamente a distanza.

È comunque fatta salva la possibilità per ciascuna delle parti di richiedere nel ricorso - nel primo atto difensivo o nell’appello, per comprovate ragioni - la partecipazione congiunta all’udienza del difensore, dell’ufficio e dei giudici presso la sede della Corte. Il debutto scatterà per le liti instaurate con ricorsi notificati dal 1° settembre 2023.

Definizione agevolata degli arretrati in Cassazione

Passa anche la definizione agevolata degli arretrati in Cassazione. La misura ha l’obiettivo di tagliare il grosso di queste pendenze, pari a circa 47mila cause. In caso di doppia sconfitta integrale dell’Entrate nei primi due gradi di giudizio, si potranno cancellare le liti fino a 100mila euro pagando il 5%, mentre qualora l’Agenzia abbia perso in tutto o in parte in uno solo dei gradi di merito, la sanatoria sarà rivolta alle liti fino a 50mila euro ma con il pagamento del 20 per cento.

Saranno definibili quelle pendenti al 15 luglio 2022, esclusi i contenziosi relativi a risorse proprie dell’Ue, come dazi e tariffe doganali, e dell’Iva all’importazione. Escluse anche tutte le cause sulle somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato. Per ora le regole sono queste ma i margini per ampliare la sanatoria potrebbero anche ampliarsi dopo le elezioni. Rumors parlamentari ipotizzano anche un innalzamento a 250mila euro.

La guida del Sole 24 Ore

Venerdì 12 agosto con «Il Sole 24 Ore» uno speciale di quattro pagine sulla riforma della giustizia tributaria per fare il punto sulle principali novità in arrivo dalla definizione agevolata per le liti pendenti in Cassazione all’onere della prova a carico del Fisco.

Osservatorio PNRR

Notizie e analisi

Il monitoraggio del Sole 24 Ore sullo stato di avanzamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza attraverso notizie, analisi, documenti e video, un puntuale lavoro di monitoraggio dello stato di avanzamento. Vai all'Osservatorio

Numeri e infografiche

Una serie di infografiche navigabili per conoscere nel dettaglio tutte le facce del PNRR: le missioni, i costi, gli obbiettivi da centrare semestre per semestre. Vai alla sezione numeri e infografiche

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti