TENSIONI uSA-cINA PER LE APP

Walmart si allea con Microsoft per comprare TikTok. Verso vendita per 20-30 miliardi

Il gigante della Gdo americana ha spiegato che la mossa potrebbe aiutare a far crescere la sua unità di marketplace online di terze parti e il suo nascente ramo pubblicitario. Lascia l’ad di TikTok

Microsoft prosegue le trattative per l'acquisto di TikTok

2' di lettura

Walmart si allea con Microsoft per un'offerta su TikTok. «Il potenziale rapporto» con TikTok potrebbe offrire a Walmart - si legge in una nota del colosso delle vendite al dettaglio - una nuova modalità per raggiungere i clienti. L'annuncio mette le ali ai titoli Walmart, che arrivano a guadagnare il 3%.

Il gigante della Gdo americana ha spiegato che la mossa potrebbe aiutare a far crescere la sua unità di marketplace online di terze parti e il suo nascente ramo pubblicitario, due aree che l'amministratore delegato Doug McMillon ha detto di voler espandere. Le due aziende lavorano già insieme, dato che Walmart utilizza la piattaforma cloud Azure di Microsoft in tutta l'azienda.

Loading...

TikTok sarebbe vicina a un accordo per la vendita delle sue operazioni negli Stati Uniti e un annuncio a tale proposito potrebbe arrivare nei prossimi giorni. A dirlo sono fonti della Cnbc a conoscenza delle trattative. TikTok sta ancora discutendo con Oracle, Microsoft e con una terza società statunitense interessata all'acquisto.

Intanto l’amministratore delegato di TikTok Kevin Mayer si è dimesso: il motivo è il decreto presidenziale con cui a inizio agosto, il presidente Donald Trump ha ordinato a Byyedance, società proprietaria della app cinese, di vendere le attività americane di TikTok entro 90 giorni, pena il bando dagli Stati Uniti, perché la app di brevi video con 100 milioni di utenti in Usa minaccia la sicurezza nazionale, è l’accusa della Casa Bianca.

Le dimissioni di Mayer, ex manager della Disney, sono l’ultimo episodio della saga Usa contro Cina per il controllo tecnologico dei dati: le autorità americane accusano la app cinese di lavorare per il regime di Pechino e raccogliere clandestinamente i dati degli utenti. Con una serie di decreti Trump ha colpito TikTok, WeChat e considera di colpire anche il colosso dell’ecommerce cinese Alibaba.

Mayer ha comunicato le dimissioni ai dipendenti oggi 27 agosto, prende il suo posto ad interim Vanessa Pappas, attuale general manager of TikTok. Nella lettera ai dipendenti Mayer ha annunciato l'intenzione di dimettersi “con grande dispiacere”.

La controffensiva cinese

Il 25 agosto, la piattaforma social per la condivisione di video brevi ha presentato una causa legale contro l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per l'ordine esecutivo,firmato il 6 agosto, che vieta qualsiasi transazione agli operatori statunitensi con la società tecnologica cinese ByteDance, a partire da 45 giorni dalla firma del provvedimento. Tra i convenuti della denuncia di 39 pagine acquisita da Xinhua figurano il presidente Trump, il Segretario al Commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, e il Dipartimento del Commercio.

Secondo il documento, TikTok accusa le autorità statunitensi di aver spogliato la società dei propri diritti senza presentare alcuna prova per giustificare un'azione tanto estrema e di aver emesso un ordine senza alcun giusto processo come garantito dal Quinto emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, imponendo un bando all'azienda senza alcun preavviso o possibilità di audizione in merito.

La guerra per comprare TikTok

Da quando Trump ha ordinato a Bytedance di vendere le attività Usa di TikTok si sono intensificate le manovre per acquistare la app di successo: l’acquirente più accreditato sembrava Microsoft che pare abbia avuto anche colloqui con la Casa Bianca ma nella corsa all’acquisto si è inserita anche Oracle.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti