TERZA MANIFESTAZIONE

Sì Tav, Torino torna in piazza: 20mila partecipanti al corteo


In 30mila al corteo Sì Tav a Torino, Pd: governo risponda

2' di lettura

Sì Tav di nuovo in piazza, a Torino, per ribadire il sostegno alla Torino-Lione. I comitati civici e il mondo delle imprese e dei sindacati si ritrovano per la terza manifestazione dal 10 novembre, questa volta una marcia, organizzata dal comitato Sì Torino va avanti, dall'associazione Sì Tav Sì Lavoro e dall' Osservatorio 21. Vi hanno aderito oltre 40 sigle del mondo produttivo e sindacale e sono presenti, dalle prima stime, 20mila persone.

Sulle note dell'Inno alla gioia la marcia ha preso il via e ha sfilato da piazza Vittorio lungo via Po per arrivare in piazza Castello. Ad aprire il corteo le madamin con lo striscione “Si Tav subito”, lo stesso slogan che viene scandito dai partecipanti.

I partiti che hanno aderito sono il centrosinistra, +Europa e Fratelli d'Italia. Non saranno in piazza né i leghisti, al governo nazionale con M5s e alleati di Fdi e Fi alle Regionali in Piemonte, né Forza Italia.


Appendino: diamo tempo al premier
“Ho massimo rispetto per tutte le manifestazioni, a Torino ce ne son0 state per il sì e per il no. La mia posizione è nota, ora è stato deciso di dare mandato al presidente Conte di negoziare e di confrontarsi con la Francia e ho massima fiducia in lui”. La sindaca di Torino ha poi aggiunto: “C'è un'analisi costi-benefici chiara, bisogna dare a Conte il tempo di confrontarsi”.


Il promotore dell'associazione Sì Tav Sì Lavoro deluso dalla partecipazione
“È stata una manifestazione importante ma sono dispiaciuto che la piazza non fosse piena come l'altra volta, sarebbe stato meglio mantenere lo spirito della prima volta cioè la società civile, perché la Tav è un'opera troppo importante”. Ad affermarlo il promotore dell'associazione Sì Tav Sì Lavoro Mino Giachino. “La Tav - ribadisce - resta un'opera importante per rilanciare un Paese che non cresce più da vent'anni e una regione che ha oggi il Pil che aveva nel 1999 e questo è il motivo per cui ci sono tanti disoccupati e per cui tante aziende sono in crisi”.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...