5G

Siae Microelettronica: «in tre anni guardiamo alla Borsa e a possibili acquisizioni»

La società produce tecnologia per reti di tlc . Il presidente Mascetti: «il governo supporti le aziende italiane»

di Simona Rossitto

default onloading pic
La sede di Siae Microelettronica

La società produce tecnologia per reti di tlc . Il presidente Mascetti: «il governo supporti le aziende italiane»


3' di lettura

C'è anche un realtà italiana nel settore della produzione di tecnologia per le reti, il gruppo Siae Microelettronica della famiglia Mascetti che conta tra i clienti Tim, Vodafone, Open Fiber, Telefonica. L'azienda, fondata dal padre 60 anni fa e attualmente di proprietà dei quattro fratelli Mascetti e di un socio esterno, negli anni si è occupata sempre più di strumentazione elettronica e oggi fornisce in particolare ponti radio per la telefonia mobile e il 5G. «Il nostro core business – spiega a DigitEconomy.24 (report del Sole 24 Ore Radiocor e della Luiss Business School) il presidente Alberto Mascetti – sono gli apparati di telecomunicazione, i ponti radio e gli apparati di linea ottici». Il gruppo ha chiuso il 2019 con un fatturato di circa 222 milioni di euro e per il 2020 prevede ricavi in linea. Per il business del 5G la società, che conta 1.450 dipendenti in Italia e nel mondo, si dice pronta mentre, nell'orizzonte a tre anni, punta alla crescita per linee esterne, attraverso acquisizioni e quotazione in Borsa. In più Siaemic guarda con favore alla rete unica e chiede al governo il supporto necessario per le aziende italiane che producono in Italia.

SFOGLIA IL REPORT COMPLETO

Loading...

Presidente Mascetti, riuscite a competere nel nostro Paese con colossi mondiali come Huawei, Zte, Nokia ed Ericsson?

Sì, riusciamo a competere. Il nostro core business sono gli apparati di telecomunicazione, i ponti radio e gli apparati di linea ottici. I ponti radio sono complementari alla fibra ottica. Si stima che fra tutte le stazioni base, metà siano realizzate con ponti radio e per metà in fibra. I nostri clienti sono soprattutto gli operatori mobili, ma anche le utilities, soggetti che devono trasportare dati da un punto all'altro.
Con Nokia, in particolare, abbiamo siglato un accordo di rivendita per gli apparati ottici.

Come vede il business del 5G tra grandi investimenti degli operatori nelle aste e il freno della crisi Covid?

Ci sono grandissime prospettive, il 5G per le sue stesse caratteristiche richiederà un grande sviluppo e ingenti investimenti, Dall'altra parte per gli operatori è un momento di crisi. La situazione attuale potrebbe sicuramente essere migliore.
Dal canto nostro, noi siamo pronti per lo sviluppo del 5G. Nel frattempo stiamo partecipando alla sperimentazione con Vodafone, limitata a un centinaio di stazioni base. In particolare, stiamo fornendo la parte di backhauling, di trasporto dei dati.


Che cosa pensa del problema della sicurezza delle reti?


A oggi il mercato è globale, ci sono ad esempio alcuni processi che sono completamente nelle mani di aziende Usa. Dal momento che la rete è strategica, è bene, come succede per gli asset strategici, che sia gestista da attori nazionali. E' preferibile cioè che le reti europee siano gestite con apparati europei, il passo per arrivarci non è semplice. Tuttavia è un obiettivo che si può raggiungere naturalmente. Quando si comprende che un bene è strategico, viene poi gestito a livello nazionale o all'interno di un'alleanza.

DigitEconomy24 / Il 5G nel nuovo scenario geo-politico

Visualizza

Come valutate il progetto di rete unica allargato al 5G?

Per noi il giudizio è positivo, e siamo pronti a collaborare. Si tratta di una grande opportunità per il Paese che attrarrà ingenti capitali. Auspichiamo che le aziende italiane che fabbricano in Italia, come noi, abbiano un ruolo importante e che il Governo dia loro il supporto necessario.
Per affrontare la competizione pensate a una crescita per linee esterne?
Al momento siamo cresciuti per linee interne. Ora è arrivato il momento giusto per una crescita esterna. Nel giro di tre anni guardiamo alla quotazione in Borsa e possibili acquisizioni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti