ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTecnologia

Siemens corre a Francoforte: aumenta il dividendo, fiduciosa su 2023

Cala l'utile nel 2022 a causa di svalutazioni ma bene ordini e fatturato

di Giuliana Licini

(AFP)

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Siemens corre alla Borsa di Francoforte, sulla spinta dell’andamento complessivo dell’esercizio 2022, dell’aumento del dividendo e della fiducia sulle prospettive del nuovo anno. Il titolo della multinazionale tedesca è arrivata a guadagnare anche il 7% a fronte di un indice DAX 40 timido.

Utile cala del 34% ma mercato guarda a ordini

Il mercato ha ignorato la flessione del 34% dell’utile netto a 4,4 miliardi, causata da una svalutazione contabile, per concentrarsi sul fatturato e sugli ordinativi, in solido aumento e soprattutto sul quarto trimestre, che ha superato nettamente le attese degli analisti. A pesare sul risultato netto dell’esercizio è stata la caduta in Borsa di Siemens Energy, di cui il gruppo controlla ancora il 35%, che ha comportato una svalutazione di 2,7 miliardi nel terzo trimestre. L’utile per azione del gruppo è di 5,47 euro contro 8,32 euro, ma al netto della svalutazione arriva a 8,84 euro, sottolinea il gruppo. “Malgrado un contesto macro-economico sempre complesso, influenzato tra le altre cose dalle sanzioni economiche contro la Russia, da un’elevata inflazione e dall’impatto della pandemia di Covid-19, Siemens è cresciuta nuovamente in tutti i suoi mercati-chiave”, ha sottolineato un comunicato.

Loading...

Aumenta il dividendo

Anche gli azionisti beneficiano dell’”eccellente performance della società”, che ha indotto il consiglio di supervisione e quello di gestione a proporre un aumento del dividendo a 4,25 euro da 4 euro. L’incremento – aggiunge Siemens – riflette anche “la forte fiducia negli sviluppi futuri”. I ricavi del 2022, intanto, sono saliti dell’8,2% su basi comparabili a 72 miliardi, superando la guidance (crescita tra +6% e +8%). Il business digitale ha continuato a crescere “rapidamente” registrando un fatturato di 6,5 miliardi (+15%), superiori alla guidance. Gli ordinativi sono aumentati del 17% su basi comparabili a 89 miliardi e il portafoglio ordini totalizza il record di 102 miliardi. L’utile netto delle attività industriali ha toccato il massimo storico di 10,3 miliardi, dagli 8,8 miliardi dell’esercizio precedente, con un margine del 15,1% dal 15%. Il cash flow del gruppo è rimasto “eccellente” a 8,2 miliardi. Il quarto trimestre ha segnato una crescita robusta e superiore alle attese, con ordinativi per 21,1 miliardi (da 19,1 miliardi), ricavi per 20,6 miliardi (+12% su basi comparabili), spinti in particolare dalle attività digitali e di infrastrutture intelligenti. L’utile netto è più che raddoppiato a 2,9 miliardi e rappresenta quindi oltre la metà dell’utile dell’intero anno.

Per il 2023 stima +6/9% ricavi

Quanto all’Outlook per il 2023 Siemens precisa che si basa sull’assunto che “non ci siano un’ulteriore escalation delle tensioni geopolitiche, altre sfide dal Covid-19 e che continuino a diminuire le difficoltà nelle catene di approvvigionamento”. Su questo sfondo, il gruppo punta a un aumento dei ricavi su base comparabile del 6-9%. Come è noto, nel 2022 il conglomerato tecnologico tedesco, le cui attività spaziano dalle infrastrutture, ai trasporti all’healtcare, ha dovuto far fronte alle difficoltà di Siemens Energy, causate dalla filiale spagnola Siemens Gamesa, specializzata nell’energia eolica che ha avuto negative performance finanziarie per problemi di gestione. Nel maggio scorso il gruppo si è inoltre ritirato dal mercato russo, con un impatto di 300 milioni sull’ultimo trimestre. Positive le reazioni degli analisti. Berenberg ha mantenuto la raccomandazione ‘buy’ con un obiettivo di prezzo di 175 euro. Anche Deutsche Bank ribadisce il consiglio di acquistare il titolo, con un target price di 145 euro. Così come restano positive le valutazioni di Jefferies, Rbc, Jp Morgan e Goldman Sachs, che confermano il 'buy'.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti