ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùnoleggio a lungo termine

Sifà oltre i cento milioni di fatturato

Nel 2019 la società controllata da Bper va oltre gli obiettivi: 20mila veicoli gestiti e novemila ordini. Nel 2020 il target è 180 milioni di ricavi

di Giulia Paganoni


default onloading pic

2' di lettura

Il noleggio a lungo termine di veicoli e flotte aziendali continua a crescere. E le realtà più dinamiche registrano risultati superiori al mercato.

Tra queste, Sifà (Società italiana flotte aziendali) ha chiuso con un fatturato di circa 110 milioni di euro e quasi 20mila unità totali di flotta gestita. Nel corso dello scorso anno, l’azienda a capitale interamente italiano e partecipata al 51% da Bper Banca, ha anche superato l’obiettivo di ordini prefissato a 8.000 unità raggiungendo circa 9.000 nuovi ordini. Di pari passo, il fatturato ha raggiunto i circa 110 milioni di euro a fronte di una stima di 87 milioni. A questo si è aggiunta anche l’espansione territoriale che è passata da 10 a 12 sedi nazionali.

Analizzando i volumi in base alle motorizzazioni, possiamo notare che il propulsore ampiamente più scelto è il diesel con uno schiacciante 86%. Un dato interessante è fornito dalla seconda posizione, dove si impone l’elettrico con un 7%, davanti ai powertrain a benzina che si è fermano al 6%. Infine, pochi, l’1%, scelgono un noleggio a lungo termine di veicoli a metano.

Guardando al futuro, gli obiettivi del 2020 sono ancora più ambiziosi: raggiungere nuovi ordini pari a 12mila unità annuali e un’ipotesi di 180 milioni di euro di fatturato. Questo grazie anche al progetto “circular mobility”, un nuovo business basato sull’evoluzione della mobilità che coinvolge gli attori lungo tutta la catena del valore, dai costruttori automobilistici ai noleggiatori e gestori di piattaforme di dati. L’imperativo è adottare un modello di economia circolare per un uso più efficiente e sostenibile delle risorse, all’interno di un ecosistema collaborativo in cui aziende leader del settore pubblico e privato e startup innovative lavorino fianco a fianco. Secondo una ricerca Nomisma, a fronte di un generale interesse per forme di mobilità aziendale sostenibile, emerge come la presenza di veicoli ibridi o elettrici in azienda sia ancora limitata.

Tra le imprese dotate di parco auto (83% del totale), il 14% annovera nella flotta aziendale veicoli ibridi e il 3% veicoli ad alimentazione elettrica. Superiore la quota di chi, pur non possedendo tali veicoli, li utilizza per gli spostamenti aziendali o per l’esecuzione dell’attività lavorativa (21% veicoli ibridi, 10% elettrici). A fronte di queste necessità, verrà posta grande attenzione all’e-mobility con soluzioni sia per il territorio nazionale sia fuori dai confini grazie alla stipula di accordi con una rete partner a livello europeo.

Riproduzione riservata ©
    Per saperne di più

    loading...

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...