medio oriente

Siria, raid aereo israeliano contro base militare iraniana a Damasco

(Epa)

2' di lettura

Aerei da guerra israeliani hanno bombardato una «base militare iraniana in costruzione nei pressi della capitale siriana Damasco» secondo quanto hanno riferito fonti di stampa filo-Assad citate dal quotidiano israeliano Haaretz online.
Secondo queste fonti, il raid è stato compiuto dallo spazio aereo libanese e ha preso di mira installazioni vicino alla cittadina di al Kiswa, a circa 13 chilometri da Damasco. Le difese contraeree siriane, riferisce la stessa fonte citando Sky News Arabia, hanno reagito sparando missili contri i jet siriani. «Il nemico israeliano ha lanciato diversi missili terra-terra verso una posizione militare», ha detto la Tv siriana, aggiungendo che ci sono state «perdite materiali nel sito». Un portavoce militare israeliana aveva rifiutato di commentare le precedenti segnalazioni dell’attacco durante la notte. L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha affermato che i missili, in tutta probabilità lanciati dall’esercito israeliano, hanno colpito un deposito di armi dell’esercito di Assad e delle sue forze alleate dopo la mezzanotte. I media governativi siriani hanno detto che la contraerea siriana è riuscita a distruggere almeno due dei missili lanciati dagli aerei israeliani. La televisione di Stato ha tuttavia aggiunto che l’attacco ha provocato danni materiali, facendo intendere che altri missili dovrebbero essere arrivati a segno. Secondo fonti locali citate dalla televisione panaraba Al Jazeera, l’attacco era diretto contro siti militari governativi e postazioni delle milizie sciite libanesi Hezbollah, alleate di Damasco e di Teheran. Le stesse fonti hanno aggiunto che forti esplosioni sono state udite nella capitale. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), interruzioni nell’erogazione dell’elettricità sono state registrate in alcuni sobborghi intorno a Damasco dopo l’attacco, avvenuto circa mezz’ora dopo la mezzanotte ora locale (le 23.30 in Italia).

A quanto si apprende, l’attacco sarebbe avvenuto vicino alla città di al-Kiswa, a sud della capitale, causando forti esplosioni. L’aviazione israeliana ha fatto sapere di aver colpito quasi cento volte in oltre sei anni armi e convogli dell’esercito siriano e degli Hezbollah del Libano. Tel Aviv è profondamente preoccupata per l’espansione del potere sciita durante il conflitto e ha avvertito che agirà contro ogni minaccia da parte del suo nemico regionale, Teheran. L’Iran ha fornito supporto critico all’esercito del presidente Bashar al-Assad nella lotta contro i ribelli siriani e i militanti dello Stato islamico. Le milizie sciite appoggiate dall’Iran, tra cui Hezbollah, hanno aiutato Damasco a riprendere il controllo di ampie fasce del Paese. Durante una visita a Damasco in ottobre, il capo militare dell’Iran ha avvertito Israele di aver violato lo spazio aereo o il territorio siriano.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti