aeroporti

Sita acquisisce l’italiana Software Design

La società napoletana, eccellenza hi-tech specializzata nell'integrazione di software e soluzioni per il settore aeroportuale entra nel colosso internazionale specializzato nella digitalizzazione del trasporto aereo

di Antonio Dini


default onloading pic

2' di lettura

Un’acquisizione strategica a cui seguirà presto l'apertura di un centro di eccellenza e una direzione di espansione in Italia e nel resto dell'Europa. È frutto della digitalizzazione, che arriva negli aeroporti e porta a cambiamenti significativi nelle strategie aziendali.

La napoletana Software Design, eccellenza hi-tech italiana specializzata nell'integrazione di software e soluzioni per il settore aeroportuale e principale fornitore di servizi It dell'Aeroporto di Napoli (oltre che ad Alghero, Bologna, Milano, Torino e Trieste), è stata infatti comprata da Sita, società internazionale specializzata nell’integrazione software per il trasporto aereo.

Con l'acquisizione Sita prende il 100% delle quote detenute dai fondatori e dai dipendenti della società (che rimangono all'interno della nuova azienda integrata con Sita) e le quote di 2i Aeroporti Spa, la joint venture tra il fondo infrastrutturale F2i e la francese Ardian, società di investimenti privati.

Ardian e F2i assieme controllano uno dei più grandi network aeroportuali in Italia che gestisce il 40% del traffico passeggeri, pari a 58 milioni di persone, e 650mila tonnellate di merci all'anno.

«Software Design – ha detto al Sole 24 Ore Sergio Colella, presidente Europa di Sita, durante la conferenza Sita Summit in corso a Lisbona – è un gioiello nel panorama It non solo italiano e adesso diventa parte della famiglia Sita».

Trasformazione digitale
Il punto centrale, che ha portato all'acquisizione di Software Design, è la trasformazione digitale.

«Nei prossimi 15 anni - ha detto Colella – i passeggeri in Europa raddoppieranno. Per digerire 600 milioni di persone in più è necessario il digitale, l'automazione, l'intelligenza artificiale. Sita, nata per la connettività, sta crescendo molto nel settore delle applicazioni, che adesso è il 60% del nostro business».

«Per supportare la crescita di questo settore – dice Maurizio Taffone, vicepresidente Europa del Sud di Sita – facciamo acquisizioni come Software Design, un’azienda con 30 anni di storia e un’eccellenza tecnologica che le ha consentito ad esempio di gestire una crescita del 16% dei passeggeri in un anno».

Nuove assunzioni
Non c'è solo l'acquisizione però: «Il gruppo di lavoro di Software Design – ha detto Colella – rimarrà a Napoli e presto verrà potenziato con una serie di assunzioni che porteranno alla realizzazione di un centro di eccellenza di Sita che servirà da hub tecnologico nel settore applicativo per l'azienda».

L'acquisizione di Software Design porta a Sita infatti un gruppo di lavoro di 70 persone, inclusi i fondatori tra cui l’ad Massimiliano Gentile e Raffaele Annunziata, che rimarranno nell'azienda.

«Per noi – ha detto Annunziata – questa non è un’acquisizione ma un progetto che ci consente di aprire nuovi mercati e nuove opportunità di crescita».

Sita sta registrando un sensibile aumento della richiesta di integrazione specifiche per il settore aeroportuale. Il livello digitale applicativo di cui si occupano Software Design e Sita riguarda la gestione giornaliera di tutte le infrastrutture It e le applicazioni negli aeroporti.

Per lo scalo di Napoli grazie a Software Design, secondo Sita, sarà possibile sfruttare anche tutte le altre tecnologie della multinazionale con sede a Ginevra nella gestione delle operazioni relative a passeggeri e bagagli, dei controlli di frontiera, delle operazioni aeroportuali per una significativa modernizzazione dell'infrastruttura tecnologica e digitale dell'aeroporto.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...