Cormetica & Innovazione

Skincare, Shiseido e il principio della circolazione positiva

Il flusso sanguigno rende la pelle forte, resistente e perfettamente sana. Da vent’anni il marchio giapponese studia questo processo in partnership con numerose università

di Marika Gervasio

4' di lettura

Il flusso sanguigno dà vita alla pelle. Ogni vaso trasporta ossigeno, sostanze nutritive e cellule immunitarie. Inoltre regola la pressione e la temperatura della pelle. Quando la circolazione è ottimale, la pelle appare forte, resistente e perfettamente sana. Stimolarla, in particolare attraverso il massaggio,migliora la luminosità e la texture della pelle. Dunque esiste un legame tra la rete vascolare e l’invecchiamento cutaneo. Questi risultati hanno incoraggiato i laboratori Shiseido a studiare per oltre vent’anni questo fenomeno.

Vent’anni di ricerca

La passione dei ricercatori Shiseido per questo tema è nata nel 2000, quando hanno cominciato a condurre i primi studi insieme al Cutaneous Biology Research Center (CBRC), creato in partnership con il Massachusetts General Hospital e la Harvard Medical School. Questi studi si sono concentrati in particolare sui capillari, quei micro-vasi strategicamente localizzati negli strati superiori del derma, al confine con l’epidermide che irrigano continuamente.

Loading...

La ricerca Shiseido si è concentrata inizialmente sui vasi anomali e sui loro effetti sulla qualità della pelle. Già nel 2002 il marchio giapponese ha rivelato l’impatto dei raggi UV sui vasi sanguigni. L'eccessiva esposizione ai raggi UV aumenta la produzione di VEGF (Vascular Endothelial Growth Factor), una molecola segnale che induce la creazione di nuovi vasi anomali associati a un accumulo di cellule infiammatorie. Queste ultime causano il rilascio di enzimi che danneggiano le fibre di supporto, come l’elastasi. Di conseguenza, i segni dell’invecchiamento, comprese le rughe, appaiono prematuramente.

Nel 2009, una nuova partnership con la Seoul University College of Medicine ha permesso di migliorare il livello di conoscenza in questo settore. La collaborazione si è concentrata sull’impatto del passare del tempo sul declino dei vasi sanguigni. Si è così scoperto che dai 40 anni i vasi iniziano a mostrare più segni di deterioramento. Questo è collegato a una diminuzione dei recettori TIE-2 espressa sulla superficie delle pareti vascolari e coinvolta nella loro coesione ottimale. Questo fenomeno porta a un’eccessiva perdita di vasi, che priva la pelle di nutrienti essenziali.

In seguito, nel 2017, Shiseido ha fatto squadra con la University of Anjou (Corea del Sud) per spingersi oltre i confini della ricerca con nuove strumentazioni. La tecnologia OCT (Optical Coherence Tomography), ad esempio, ha permesso di studiare in vivo l'intera rete vascolare del derma per la prima volta. Questo approccio senza precedenti ha sottolineato il legame tra i raggi UV, il deterioramento della rete capillare e la comparsa di irregolarità nella pigmentazione. L’eccesso di produzione di VEGF-A induce malformazioni nella rete che accelerano il rilascio di un fattore che innesca la produzione di melanina.

Nel 2018, grazie a un metodo innovativo che rende la pelle trasparente, i ricercatori hanno potuto esaminare in 3D la rete vascolare danneggiata dai raggi UV, la sua struttura e organizzazione. Le aree pigmentate hanno vasi disorganizzati, con molte ramificazioni e un accumulo di macrofagi, il che suggerisce un’infiammazione

Nello stesso anno Shiseido osserva in vivo i deterioramenti della rete vascolare dovuti all'invecchiamento e notò una diminuzione della densità e del diametro dei vasi, causa del rallentamento del microcircolo. Dal 2019 Shiseido si è interessata maggiormente alle caratteristiche dei vasi sani e ha dimostrato che la loro qualità e la loro struttura si deteriorano con l’età: sono ben strutturati e organizzati in una pelle giovane; più sottili, più fragili e disorganizzati nella pelle invecchiata.

Allo stesso tempo, Shiseido ha scoperto il ruolo svolto dalla molecola di integrina α5 - una proteina presente nelle pareti vascolari - nel garantire la salute dei capillari e il suo impatto positivo sulla produzione di fibre che supportano il derma. Il collagene è più denso intorno ai vasi sani.

A 20 anni dall’inizio della ricerca, Shiseido ha identificato il legame tra vasi sanguigni ed elasticità della pelle, in particolare grazie a due fattori chiave - APJ e VE-Cadherin - entrambi espressi nei capillari. Quando il tasso di APJ è ottimale, i vasi sono forti e stabili. Per quanto riguarda VE-Cadherin, la sua diminuzione dovuta all’invecchiamento si traduce in capillari più sottili che hanno un impatto negativo sull’elasticità della pelle. Shiseido prosegue la sua ricerca con lo stesso fervore con lo scopo di decifrare tutti i misteri legati al flusso sanguigno.

Dalla ricerca alle soluzioni

Shiseido ha tratto ispirazione da ogni scoperta scientifica per sviluppare soluzioni pratiche. Nel 2004 ha identificato un estratto di clorella in grado di ridurre la formazione di nuovi vasi anomali coinvolti nella comparsa delle rughe. Successivamente, ha trovato un estratto di corteccia di cannella che aumenta la quantità di recettori TIE-2 al fine di rafforzare la struttura dei capillari e prevenire la perdita di elementi essenziali. Tormentilla, che impedisce la formazione di capillari anomali e il rilascio di un fattore che attiva la produzione di melanina. La pigmentazione cutanea è quindi sotto controllo.

Il marchio giapponese ha inoltre presentato Ceraferment, un estratto di lievito in grado di amplificare l’effetto di integrina α5 in modo da migliorare la salute capillare e promuovere la produzione ottimale di collagene. Più recentemente, due tesori botanici, l’estratto di foglie di houttuynia e di neem, sono stati messi in primo piano grazie alla loro capacità di aumentare l’espressione dei sensori APJ e VE- Cadherin che supportano la struttura e la stabilità dei capillari. Migliorando la salute, la forza e l’integrità dei vasi sanguigni della pelle, Shiseido ottimizza anche la qualità e la bellezza della pelle, dall’idratazione alla funzione barriera, dalle rughe alle imperfezioni, dalla consistenza alla luminosità.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti