ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùStagione bianca

Skipass, aumenti fino al 12%. Gestori funivie: per andare in pari +30%

Valeria Ghezzi, presidente Anef: «Nonostante i costi dell’energia, noi la neve la facciamo. Se ci fermassimo lo farebbe tutta la filiera»

Ritocchi al prezzo dello skipass e cannoni neve a basso impatto

1' di lettura

«I prezzi degli skipass sono aumentati andando un po’ dietro all’inflazione però ovviamente il maggior costo dell’energia non va sull’utente, perché sarebbe impossibile. Dovremmo aumentare il costo del 30%, mentre la variabile di aumenti sta tra il 5 e il 12%». Lo dice all’Adnkronos/Labitalia Valeria Ghezzi, presidente Anef (Associazione nazionale esercenti funiviari).

«Peggio dell’anno del Covid»

Il caro energia ha colpito anche l’economia della montagna: «Questo non sarà un anno facile, anzi temo che sia peggio dell’anno del Covid», continua Ghezzi, che ammette: «Non so come affronteremo il problema, ma sarà un grande problema».

Loading...

Senza neve, ferma tutta la filiera

«Nonostante i costi dell’energia, noi la neve la facciamo», spiega ancora Ghezzi: «Se noi ci fermassimo si fermerebbe tutta la filiera: senza neve è come dire ai maestri di sci voi questa stagione non lavorate, ai bar, chioschi e alberghi di rimanere chiusi».

«Non è pensabile - ribadisce - che noi ci prendiamo questa responsabilità e ora speriamo che qualcuno ci aiuti. Chiediamo con forza che il governo riconosca in modo formale le aziende funiviarie quali energivore e le aiuti ad affrontare questa situazione di difficoltà che, purtroppo, non dipende dalla capacità imprenditoriale».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti